Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

NEI DENTI DEI MAMMIFERI PLEISTOCENICI LE TRACCE DEL CLIMA DEL PASSATO: LE ABITUDINI ALIMENTARI RIVELANO L’AUMENTO DELLA STAGIONALITÀ DOPO LA GLACIAZIONE DI 900.000 ANNI FA


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5700 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 11 aprile 2019 - 02:44

UN TEAM INTERNAZIONALE, COORDINATO DALL’INSTITUT CATALÀ DE PALEONTOLOGIA MIQUEL CRUSAFONT (ICP), DAL DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA DELLA SAPIENZA E DALL’UNIVERSITÀ DI SARAGOZZA, HA RICOSTRUITO LE ABITUDINI ALIMENTARI DEI MAMMIFERI PLEISTOCENICI MEDIANTE L’ANALISI DI DENTI FOSSILI. I RISULTATI DELLO STUDIO FORNISCONO NUOVE INFORMAZIONI SULLE CONSEGUENZE DEI GRANDI CAMBIAMENTI CLIMATICI. LA RICERCA È PUBBLICATA SULLA RIVISTA QUATERNARY SCIENCE REVIEWS

Le stagioni come le intendiamo noi oggi non sono sempre esistite. A svelarlo è un nuovo studio paleoambientale che, attraverso l’analisi di denti fossili, ha ricostruito le abitudini alimentari di diversi gruppi di erbivori vissuti nel Pleistocene, periodo durante il quale si è registrato un incremento del fenomeno della stagionalità climatica in seguito a una lunga glaciazione avvenuta circa 900.000 anni fa.
La ricerca, frutto di una collaborazione tra il laboratorio PaleoFactory del Dipartimento di Scienze della Terra e il Polo Museale Sapienza, l’Institut Català de Paleontologia Miquel Crusafont (ICP) e l’Università di Saragozza, ha fornito nuove informazioni sulle conseguenze dei grandi cambiamenti climatici sugli ecosistemi terrestri del continente europeo durante il Quaternario, il periodo più recente della storia geologica della Terra. I risultati sono pubblicati sulla rivista Quaternary Science Reviews.
Gli studiosi hanno analizzato denti fossili di diversi gruppi di ungulati erbivori (per esempio cervidi, bovidi, equidi), ricostruendo in dettaglio le loro abitudini alimentari, gli habitat in cui essi vivevano e le trasformazioni ambientali avvenute nel Pleistocene. Più in particolare i fossili, provenienti da diversi livelli fossiliferi del sito di Vallparadís Estació (Terrassa), sono riferibili a un intervallo cronologico compreso tra 1 milione e 600.000 anni fa.
“Dai dati ottenuti si osserva una presenza consistente di ambienti aperti e relativamente aridi intorno a 1 milione di anni fa – spiega Flavia Strani, ricercatrice Sapienza e primo nome dello studio – e di habitat più umidi circa 860.000 anni fa. L’esame delle tracce microscopiche lasciate sulla superficie dei denti durante la masticazione (pattern di microusura dentaria) ha rivelato inoltre un alto numero di individui con pattern riconducibili a una dieta mista di tipo stagionale subito dopo la conclusione dell’intenso periodo glaciale che ha interessato il globo 900.000 anni fa”.
In questo scenario gli ungulati erbivori si sarebbero adattati variando le loro abitudini alimentari in modo da sopravvivere nei periodi avversi, consumando anche piante non ottimali per la loro dieta abituale.
La ricerca ha messo in evidenza un drastico aumento della stagionalità, possibile effetto di questa lunga glaciazione che potrebbe aver avuto un’importante influenza sugli ecosistemi della regione Mediterranea, portando a periodici cambiamenti della qualità delle risorse vegetali presenti in particolare nella regione della Catalogna.
“I risultati – afferma Raffaele Sardella, coordinatore italiano dello studio – confermano quanto sia importante esaminare il record fossile se si vuole comprendere come le attuali e future variazioni del clima potrebbero influenzare gli habitat e le faune presenti oggi nell’area Mediterranea”.

http://www.romanotiz...900-000-anni-fa




Copyright © 2019 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana