Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Nell'ambra un gamberetto fossile di 22 milioni di anni


  • Per cortesia connettiti per rispondere
4 risposte a questa discussione

#1 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5794 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 4 settimane fa

Allega file  gamb_ambra.jpg   17,64K   1 Numero di downloads

Scoperto dai ricercatori cinesi nel Golfo del Messico, è una rara testimonianza dell'ecosistema preistorico. Risale al primo Miocene

Nuotava nelle acque del primo Miocene e si è conservato fino ai giorni nostri grazie all'ambra. E' il fossile di gamberetto (caridea) scoperto dai ricercatori dell'Istituto di Zoologia dell'Accademia cinese di Scienze, dell'Università di Nankai e dell'Istituto di Oceanologia dell'Accademia cinese di Scienze risalente a 22 milioni di anni fa. Il reperto è conservato a Pechino e i risultati dello studio sono stati diffusi su Nature.

Si tratta di una testimonianza eccezionale che aiuterà a ricostruire gli ecosistemi e la biodiversità del primo Miocene, fornendo nuovi elementi per comprendere la transizione degli organismi viventi dall'ambiente marino all'acqua dolce. E' assai raro, spiegano gli studiosi, vedere organismi acquatici conservati nell'ambra e questa è la prima volta che un gamberetto viene scoperto in un fossile di questo materiale.

L'ambra lascia intravedere un esemplare in buone condizioni di conservazione, fa notare il professor Li Xinzheng, ricercatore presso l'Istituto di oceanografia cinese, al punto da riuscire a riconoscere un aspetto che ci è familiare: il gambero preistorico appare molto simile ad alcune specie ancora esistenti.

I più antichi frammenti di ambra conservati risalgono a oltre 320 milioni di anni fa. La resina vegetale da cui ha origine la rende trasparente e traslucida. Molti dei reperti fossili sono giunti a noi grazie al processo di solidificazione di queste pietre che l'antica Grecia definiva le "lacrime degli dei". Uccelli, piume, rettili, insetti e persino fiori sono alcune delle forme di vita rimaste intrappolate che ci raccontano l'evoluzione del nostro pianeta.

#2 francomete

francomete

    Ultra Sapiens

  • EXPERT
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6829 Messaggi:

Inviato 4 settimane fa

Resta sempre il mistero di come organismi assolutamente acquatici siano rimasti  intrappolati nella resina.

#3 Prejott

Prejott

    Dinosauro

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3043 Messaggi:

Inviato 4 settimane fa

Bho, secondo me è roba spiaggiata e successivamente inglobata, oppure la preda di qualche volatile lasciata su un ramo

#4 Prejott

Prejott

    Dinosauro

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3043 Messaggi:

Inviato 4 settimane fa

In effetti l'articolo parla di mangrovie

#5 francomete

francomete

    Ultra Sapiens

  • EXPERT
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6829 Messaggi:

Inviato 4 settimane fa

Diciamo che le inclusioni strettamente acquatiche in ambra non sono rarissime, chiocciole, larve, gamberetti, se ne sono trovati abbastanza.
Resta sempre il mistero di come sono arrivati fuori dal loro ambiente in buone condizioni tali da essere poi inglobati da resine di piante specifiche che hanno dato origine all'ambra, molte cose devono incastrarsi perchè tutto avvenga. Ovviamente al netto dei falsi ... ;)




Copyright © 2019 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana