Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Un anno nel Cretaceo? Durava sette giorni in più. Lo rivela una conchiglia ritrovata in montagna


  • Per cortesia connettiti per rispondere
3 risposte a questa discussione

#1 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5987 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 11 marzo 2020 - 01:42

La Terra girava più velocemente 70 milioni di anni fa. Secondo uno studio della Vrije Universiteit Brussel ruotava 372 volte l'anno anziché le attuali 365: un giorno durava solo 23 ore e 30 minuti

La Terra girava più velocemente 70 milioni di anni fa rispetto a oggi, ruotando 372 volte l'anno anziché le attuali 365. Questo significa che un giorno durava solo 23 ore e mezza anziché 24.  Lo dice un nuovo studio dell'università olandese Vrije Universiteit in Bruxelles pubblicato sulla rivista AGU e condotto sulla conchiglia fossile di un mollusco del tardo cretaceo che abitava i fondali marini tropicali 70 milioni di anni fa, in una regione corrispondente alle odierne aride montagne dell'Oman. L'antico mollusco bivalve, appartenente al più ampio gruppo oggi estinto delle "rudiste", cresceva velocemente producendo giornalmente strie di accrescimento sulla sua conchiglia. Grazie all'utilizzo del laser gli scienziati sono riusciti ad analizzare questi piccoli strati in maniera più precisa rispetto al tradizionale sistema basato sul microscopio. Su un piccolo frammento del fossile sono stati praticati con il laser dei forellini di 5 micrometri di diametro (un milionesimo di millimetro). L'analisi dei campioni così ottenuti ha fornito importanti informazioni sulla temperatura e sulla chimica dell'acqua dei tempi in cui era in vita il mollusco. Ha fornito, inoltre, misure accurate sull'ampiezza e sul numero degli anelli di accrescimento, permettendo di identificare l'alternanza delle stagioni e degli anni. Questo permette di stabilire quanti giorni avesse un anno di circa 70 milioni di anni fa e, in maniera più accurata, la durata di un singolo giorno: 23 ore e 30 minuti per 372 giorni l'anno.  "Sulle conchiglie è memorizzato il ritmo di alternanza tra il giorno e la notte" commenta Niels de Winter, ricercatore di geologia e tra i principali autori dello studio. "Abbiamo dai 4 ai 5 riferimenti al giorno, un risultato che non si ottiene quasi mai nella storia geologica. Essenzialmente possiamo dare uno sguardo a una tipica giornata di 70 milioni di anni fa. È fantastico".  Si è così scoperto che la conchiglia cresceva molto più di giorno che di notte, "suggerendo la presenza di un fotosimbionte" osserva Winter, a ulteriore riprova del fatto che i molluschi ospitassero simbionti fotosintetici che potrebbero aver alimentato la formazione delle barriere coralline di allora, come accade oggi con i coralli. Questi nuovi dati potranno inoltre essere utili nei modelli che descrivono la formazione della Luna e al calcolo della sua distanza dalla Terra oltre 4,5 miliardi di anni fa. Forniscono, inoltre, elementi importanti per lo studio delle stagioni e del clima delle ere passate. -


See more at: http://www.rainews.i...75e9adac05.html

#2 bisnonno

bisnonno

    Ultra Sapiens

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5317 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2020 - 02:31

Visualizza Messaggioniccosan, il 11 marzo 2020 - 01:42 , ha scritto:

La Terra girava più velocemente 70 milioni di anni fa. Secondo uno studio della Vrije Universiteit Brussel ruotava 372 volte l'anno anziché le attuali 365: un giorno durava solo 23 ore e 30 minuti

La Terra girava più velocemente 70 milioni di anni fa rispetto a oggi, ruotando 372 volte l'anno anziché le attuali 365. Questo significa che un giorno durava solo 23 ore e mezza anziché 24.  Lo dice un nuovo studio dell'università olandese Vrije Universiteit in Bruxelles pubblicato sulla rivista AGU e condotto sulla conchiglia fossile di un mollusco del tardo cretaceo che abitava i fondali marini tropicali 70 milioni di anni fa, in una regione corrispondente alle odierne aride montagne dell'Oman. L'antico mollusco bivalve, appartenente al più ampio gruppo oggi estinto delle "rudiste", cresceva velocemente producendo giornalmente strie di accrescimento sulla sua conchiglia. Grazie all'utilizzo del laser gli scienziati sono riusciti ad analizzare questi piccoli strati in maniera più precisa rispetto al tradizionale sistema basato sul microscopio. Su un piccolo frammento del fossile sono stati praticati con il laser dei forellini di 5 micrometri di diametro (un milionesimo di millimetro). L'analisi dei campioni così ottenuti ha fornito importanti informazioni sulla temperatura e sulla chimica dell'acqua dei tempi in cui era in vita il mollusco. Ha fornito, inoltre, misure accurate sull'ampiezza e sul numero degli anelli di accrescimento, permettendo di identificare l'alternanza delle stagioni e degli anni. Questo permette di stabilire quanti giorni avesse un anno di circa 70 milioni di anni fa e, in maniera più accurata, la durata di un singolo giorno: 23 ore e 30 minuti per 372 giorni l'anno.  "Sulle conchiglie è memorizzato il ritmo di alternanza tra il giorno e la notte" commenta Niels de Winter, ricercatore di geologia e tra i principali autori dello studio. "Abbiamo dai 4 ai 5 riferimenti al giorno, un risultato che non si ottiene quasi mai nella storia geologica. Essenzialmente possiamo dare uno sguardo a una tipica giornata di 70 milioni di anni fa. È fantastico".  Si è così scoperto che la conchiglia cresceva molto più di giorno che di notte, "suggerendo la presenza di un fotosimbionte" osserva Winter, a ulteriore riprova del fatto che i molluschi ospitassero simbionti fotosintetici che potrebbero aver alimentato la formazione delle barriere coralline di allora, come accade oggi con i coralli. Questi nuovi dati potranno inoltre essere utili nei modelli che descrivono la formazione della Luna e al calcolo della sua distanza dalla Terra oltre 4,5 miliardi di anni fa. Forniscono, inoltre, elementi importanti per lo studio delle stagioni e del clima delle ere passate. -


See more at: http://www.rainews.i...75e9adac05.html

Scusa Nicola, ma c'è qualche ....piccolo....errore, nella misura dei...forellini laser, un micrometro e pari a 1 milionesimo di Metro, non di millimetro, ossia 1 millesimo di millimetro. Mi auguro che i...calcoli fatti, non siano basati con questo grossolano errore di misura, ma che sia un errore di errata battitura dei redattori.
Micrometro (unità di misura)


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jump to navigationJump to search


Il micrometro (mikromètro[1]; simbolo: µm) è un'unità di misura della lunghezza derivata del Sistema Internazionale. Corrisponde a un milionesimo di metro (cioè millesimo di millimetro): 1 µm = 1 × 10−6 m.


#3 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5987 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 11 marzo 2020 - 10:01

Visualizza Messaggiononno, il 11 marzo 2020 - 02:31 , ha scritto:

Scusa Nicola, ma c'è qualche ....piccolo....errore, nella misura dei...forellini laser, un micrometro e pari a 1 milionesimo di Metro, non di millimetro, ossia 1 millesimo di millimetro. Mi auguro che i...calcoli fatti, non siano basati con questo grossolano errore di misura, ma che sia un errore di errata battitura dei redattori.
Micrometro (unità di misura)


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jump to navigationJump to search


Il micrometro (mikromètro[1]; simbolo: µm) è un'unità di misura della lunghezza derivata del Sistema Internazionale. Corrisponde a un milionesimo di metro (cioè millesimo di millimetro): 1 µm = 1 × 10−6 m.


Nonno penso sia un errore dei giornalisti
non della scoperta in sè che è in inglese pubblicata

come al solito

#4 bisnonno

bisnonno

    Ultra Sapiens

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5317 Messaggi:

Inviato 11 marzo 2020 - 10:38

Visualizza Messaggioniccosan, il 11 marzo 2020 - 10:01 , ha scritto:

Nonno penso sia un errore dei giornalisti
non della scoperta in sè che è in inglese pubblicata

come al solito

Ok. ::) :) :)

Questa è la parte tradotta dall'inglese. " Il nuovo metodo ha focalizzato un laser su piccoli frammenti di guscio, creando fori di 10 micrometri di diametro, o larghi circa quanto un globulo rosso. Gli elementi di traccia in questi piccoli campioni rivelano informazioni sulla temperatura e la chimica dell'acqua al momento della formazione del guscio. L'analisi ha fornito misurazioni accurate della larghezza e del numero di anelli di crescita giornalieri nonché di modelli stagionali. I ricercatori hanno usato le variazioni stagionali nel guscio fossilizzato per identificare gli anni. "

Link ; https://news.agu.org...lion-years-ago/

Questo è la ricerca completa, scaricabile gratuitamente per 15 giorni.   link; https://agupubs.onli...29/2019PA003723




Copyright © 2020 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana