Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

* - - - - 1 Voti

Scoperta una serie di Impronte di dinosauro... sul soffitto di una grotta!


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5943 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 14 aprile 2020 - 07:02

E’ stata trovata una serie di impronte, appartenenti ad uno dei più grandi dinosauri mai esistiti, sul... soffitto di una grotta, in Francia.
La scoperta è stata a dir poco particolare perché, all'interno di una grotta, sono state trovate delle impronte di dinosauro… sul soffitto. Ovviamente, nessun dinosauro si muoveva sul soffitto di una grotta come, per esempio, un ragno. Ciò che è avvenuto, probabilmente, è che attraverso i movimenti geologici della Terra (ed un briciolo di fortuna!), la zona dove il dinosauro passeggiava milioni di anni fa si è ritrovata a diventare il soffitto di una grotta. La scoperta è avvenuta in Francia ed è stata documentata, per la prima volta, nel 2015 nel sud della Francia, in una caverna che si chiama Castelbouc e che si trova molti metri al di sotto di Causse Me’jean. La zona dove sono state trovate le impronte non è facile da raggiungere: bisogna avanzare all'interno di caverne e corridoi sotterranei e scendere per ben 500 metri sotto il livello del suolo.
Tuttavia, ciò che è conservato al di sotto del suolo vale la fatica. Le impronte, 3 serie, sono estremamente ben conservate e, come ci dicono gli esperti paleontologi dell’Università di Bourgogne-Franche-Comté che hanno pubblicato il loro studio sul Journal of Vertebrate Paleontology, esse sono così ben conservate che è possibile vedere la forma degli artigli di questi antichi sauri. Ma ciò che forse sorprende di più sono le dimensioni di queste arcaiche tracce. Sono, infatti, lunghe 1.25 metri e, proprio per questo motivo, si stima che il dinosauro che le ha lasciate appartenesse al gruppo dei titanosauri che potevano raggiungere lunghezze superiori ai 35 metri. Gli scienziati hanno datato le impronte tra i 166 ed i 168 milioni di anni fa e, come gli autori ci dicono all’interno del loro articolo, è importante intraprendere spedizioni in profondità nel sottosuolo dove si possono trovare piccoli tesori proprio come questi.

https://tech.everyey...tta-439022.html




Copyright © 2020 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana