Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Nasce FOSSIL HUNTING - YouTube Group


  • Per cortesia connettiti per rispondere
33 risposte a questa discussione

#21 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5794 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 01 dicembre 2008 - 12:05

Allora
faccio un pò di chiarezza in quanto mi sono ritrovato questo problema sotto i piedi per il lavoro

un bene sotto la tutela dello stato (leggasi soprintendenza)

non può essere:

  • fotografato
  • filmato
  • copiato
  • riprodotto

con alcun mezzo senza un'autorizzazione firmata da parte dell'ente che ne tutela la conservazione
o il suo deposito e sicurezza

ed una volta ottenuta l'autorizzazione
dovete pagare una somma per ogni foto o minuto di filmato
(museo di firenze, per le foto di beni del museo si paga 75,00 euro a foto)
e potete utilizzarla una sola volta

tale legge di tutela mi sà che si chiama "Bianchi o simili"

ma è la stessa che vieta di fotografare i quadri in un museo
o di fotocopiare gli incunaboli o simili

quindi la normativa esiste
a proposito ho trovato questo

http://www.fotografi...i_culturali.htm

e questo

http://www.parlament...ghe/04042dl.htm

e quello che interessa a noi è questi 2 estratti

Citazione

Le riprese PROFESSIONALI (su commissione o fatte di propria iniziativa) erano in precedenza e tutt'ora sono soggette alla necessita' di un'autorizzazione da parte del Capo dell'Istituto a cui il bene e' in custodia. L'unica differenza rispetto al passato e' che un tempo veniva applicato il tariffario allegato alla "Legge Ronchey", mentre ora l'articolo 108 del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 attribuisce al "capo" di ogni singola struttura la facolta' di determinare il prezzo di concessione, anche basandosi sul tipo e la durata delle riprese, sulle caratteristiche dei soggetti e soprattutto sulle possibilita' di guadagno che queste offrono.

Citazione

Le riprese AMATORIALI  di musei o comunque di beni che ricadano nel Codice dei beni culturali e del paesaggio teoricamente devono essere autorizzate dal Capo d'Istituto, e in ogni caso non comportano nessun pagamento.
Nel concreto della vita quotidiana, questo significa che - nella maggior parte dei casi - e' semplicemente proibito effettuare riprese amatoriali quando queste riprese possono essere in concorrenza con gli interessi economici di una struttura (anche privata) che stia pagando una concessione per vendere in esclusiva cartoline, immagini o libri all'interno della struttura stessa. In sostanza: se fotografare non rappresenta ne' un pericolo per le opere, ne' un potenziale elemento di concorrenza a qualche cessionario esclusivo, allora la direzione non proibisce le riprese, il che significa che le autorizza. In caso contrario, viene indicato un espresso divieto alla realizzazione di riprese (e' comunque SEMPRE possibile fare un'esplicita richiesta per chiedere un'eventuale autorizzazione individuale gratuita ad eseguire riprese amatoriali).

saluti

#22 bergamo

bergamo

    Trilobite

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1423 Messaggi:
  • E-mail pubblica:bergamini938@gmail.com
  • LocalitàMilano

Inviato 01 dicembre 2008 - 04:39

Louvre

Allega File(s)



#23 bergamo

bergamo

    Trilobite

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1423 Messaggi:
  • E-mail pubblica:bergamini938@gmail.com
  • LocalitàMilano

Inviato 01 dicembre 2008 - 04:40

:D

Allega File(s)



#24 bergamo

bergamo

    Trilobite

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1423 Messaggi:
  • E-mail pubblica:bergamini938@gmail.com
  • LocalitàMilano

Inviato 01 dicembre 2008 - 04:41

;D

Allega File(s)



#25 Ebo

Ebo

    editato

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2414 Messaggi:

Inviato 01 dicembre 2008 - 05:15

Bravo Bergamo.
Ancora una volta ci si distingue per questa assenza di capacità di marketing e promozione della cultura "...pliiis came to visit Itali...", ...che poi te la famo pagà questa publicità.

Bello il paese dei divieti ed interdizioni (ed interdetti).

#26 emilio

emilio

    Spugna

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 516 Messaggi:

Inviato 01 dicembre 2008 - 07:10

Sono d'accordo con Luca, se ci si attenesse a queste assurde, ridicole (e fortunatamente assolutamente non rispettate) leggi la divulgazione scentifica sarebbe destinata a morire.
Questa legge poi è talmente assurda che risulta chiaro a tutti che non è minimamente fatta rispettare.
Sono d'accordo con Luca anche sul fatto che non bisogna avere paura bensì dobbiamo cercare di collaborare (vedere cosa ha fatto il GAMPS)con le autorità e continuare sulla strada della divulgazione scentifica.
Ciao
Emilio

#27 beatpete

beatpete

    Protozoo

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStelletta
  • 266 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2008 - 12:37

Mi chiedo se, considerando che fino a prova contraria il Monte Cervino, le Dolomiti, l'Etna, ma anche il Colosseo o la Torre di Pisa sono beni culturali, sia permesso fotografarli o bisogna anche in quel caso pagare!
Queste leggi sono semplicemente ridicole e paradossali, e andrebbero assolutamente abolite.
E per quanto mi riguarda, continuerò a fotografare e filmare quello che mi pare, e sfido qualsiasi tribunale a condannarmi!
Saluti a tutti
Beatpete

#28 bergamo

bergamo

    Trilobite

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1423 Messaggi:
  • E-mail pubblica:bergamini938@gmail.com
  • LocalitàMilano

Inviato 02 dicembre 2008 - 03:54

Fuori è facile, io voglio provare dentro i musei
che credo sia un pò più difficile.
Anche in alcune chiese c'è il cartello "vietato
foto e riprese"

#29 Lucabio

Lucabio

    Protozoo

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStelletta
  • 492 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2008 - 10:03

Grazie Niccosan per i riferimenti di legge.
Certo che l'Italia dal punto legislativo è proprio un paese bizzarro!

Per quanto mi riguarda continuerò a documentare le mie escursioni e
i miei ritrovamenti con foto e video sperando di farvi cosa gradita!
La divulgazione scientifica è l'unico strumento che abbiamo per
sensibilizzare chi ci sta intorno sul patrimonio che la paleontologia ù
rappresenta, e che troppo spesso viene dimenticata, anche dai musei stessi!

#30 beatpete

beatpete

    Protozoo

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStelletta
  • 266 Messaggi:

Inviato 03 dicembre 2008 - 10:41

Ciao a tutti
Io credo che la divulgazione scientifica sia un fondamentale mezzo di portare a conoscenza dell'uomo della strada il patrimonio naturale che ci circonda, e che è messo in serio pericolo dalla nostra stessa esistenza. Conoscere ed apprezzare qualcosa è la premessa alla sua salvaguardia. Vietato o non vietato per legge, anche se credo che i divieti si applichino di fatto solo in luoghi dove vengono commercializzate anche le immagini (cartoline e quant'altro), filmare e fotografare credo sia un diritto sacrosanto di ognuno.
Detto questo, però, non divulgherei troppo su filmati amatoriali le escursioni e le campagne di ricerca, che in buona fede vogliono trasmettere l'amore che uno ha per le scienze naturali, ma che potrebbero tradursi in un invito a torme di collezionisti della domenica o semplici curiosi, tutti potenziali devastatori e predatori di siti e giacimenti che noi tutti vorremmo che rimanessero come sono.
Quindi, è bello e utile documentare magari la stratigrafia, l'estrazione e la preparazione di un fossile, o la formazione di una stalattite o di una dolina, o l'intrusione di un batolito, ma credo sia meglio rimanere vaghi sui luoghi e come arrivarci.
Spero di non avervi annoiato
Beatpete

#31 PaleoDesigner

PaleoDesigner

    Molecola Inorganica

  • Iscritto
  • Stelletta
  • 4 Messaggi:

Inviato 04 dicembre 2008 - 07:54

Personalmente non capisco perchè dei filmati istruttivi educazionali devono rimanere sul piano amatoriale, o peggio, inutilizzabili per i pochi accorgimenti riguardo alla descrizione del sito, e dunque dell'area interessata. Beatepete, hai tutte le ragioni te lo assicuro, ma come già ripetuto, personalmente non mi voglio piegare ad una legge "fascista"! E' una questione di principio. Fossil Hunting è una realtà, l'inizio per far conoscere alla gente che chiama "sassi" gli esemplari sempre "unici" e "rari" che vengono scoperti, la loro storia, un flashback delle vicende, delle paziente fatiche soprattutto che hanno fatto sì di poterlo portare alla luce, e rendere possibile la sua esposizione nei musei: ultima sua collocazione. Naturalissimo che poi è vietato fare noi la parte insurpatrice dei "paleontologi", e metterci a rovistar nel terreno o provare sulla "sacra pietra" del "sacro suolo italiano" il nuovo martello inglese e mini-scalpellino presi facendo spesa online. L'intento è diverso. Ora non ho tempo, perchè dato che studio le tecniche di ripresa e regia sto preparando un altro progetto documentaristico, ma finito quello inizierò a dare il mio piccolo contributo ove ce nè bisogno nel nuovo FOSSIL HUNTING, naturalmente se sarà utile ed accolto il materiale da me pubblicato.           

#32 beatpete

beatpete

    Protozoo

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStelletta
  • 266 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2008 - 06:19

Ciao a tutti
Scusa, PaleoDesigner, ma qui non si tratta di non piegarsi ad una legge fascista, ma di fare in modo che i siti paleomineralogici, già abbastanza scarsi e ormai poco produttivi, resistano più a lungo possibile.
Divulgare dove siano e come arrivarci significa poi trovarci una folla di smartellatori e cavatori, per non parlare dei collezionisti, che depredano tutto quello che trovano. Sono stato in molti posti, anche poco accessibili, dove trovi buche scavate dai collezionisti professionisti, e segni di mazzette e palanchini ovunque. E neanche un frammento di fossile se non gli avanzi del loro scempio.
Quindi, se è vero che è molto bello divulgare la passione per la paleontologia, è anche vero che spiattellare come arrivare al posto dove hai trovato lo splendido granchio pliocenico o la drusa di quarzo rutilato significa che non ne troverai mai più in quei luoghi. Non è egoismo, ma semplice buon senso.
Beatpete

#33 emilio

emilio

    Spugna

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 516 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2008 - 06:32

Citazione

Ciao a tutti
Scusa, PaleoDesigner, ma qui non si tratta di non piegarsi ad una legge fascista, ma di fare in modo che i siti paleomineralogici, già abbastanza scarsi e ormai poco produttivi, resistano più a lungo possibile.
Divulgare dove siano e come arrivarci significa poi trovarci una folla di smartellatori e cavatori, per non parlare dei collezionisti, che depredano tutto quello che trovano. Sono stato in molti posti, anche poco accessibili, dove trovi buche scavate dai collezionisti professionisti, e segni di mazzette e palanchini ovunque. E neanche un frammento di fossile se non gli avanzi del loro scempio.
Quindi, se è vero che è molto bello divulgare la passione per la paleontologia, è anche vero che spiattellare come arrivare al posto dove hai trovato lo splendido granchio pliocenico o la drusa di quarzo rutilato significa che non ne troverai mai più in quei luoghi. Non è egoismo, ma semplice buon senso.
Beatpete
Pienamente d'accordo.

#34 Lucabio

Lucabio

    Protozoo

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStelletta
  • 492 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2008 - 06:08

Caro PaleoDesign, sarà un piacere se vorrai darmi/darci una mano con la tua esperienza sicuramente maggiore
nel settore dei video e riprese documentaristiche.
Purtroppo però devo portarti a conoscenza che per quanto il nostro intento sia quello di fare divulgazione, e
far conoscere a più gente possibile la nostra passione (ti consiglio se ancora non l'hai fatto di guardare i video
di Simone Casati, http://it.youtube.co...er/hunterwhales) si deve prestare attenzione a non divulgare ai
quattro venti come arrivare agli affiormenti e ai siti, non perchè vogliamo detenere solo noi la conoscenza dell'
ubicazione, ma proprio, per esperienza, per i motivi che ha perfettamente esposto Beatpete!
Le escursioni guidate con "turisti" sono fatte proprio per sensibilizzare la gente, e spiegargli a quattr'occhi
il valore di quelle testimonianze del passato, ed evitare che possano andarci da soli, e magari anche involutamente
possano distruggere i siti!
Detto questo, spero vivamente che mi contatterai quanto prima, mi piacerebbe proprio organizzare qualcosa insieme.
La mia mail è: luca.ddn@libero.it

Ciao!
Luca




Copyright © 2019 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana