Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Caratteristiche salienti brachiopodi - conchiglia esterna


  • Per cortesia connettiti per rispondere
2 risposte a questa discussione

#1 Donmiguel

Donmiguel

    Molecola Inorganica

  • Iscritto
  • Stelletta
  • 8 Messaggi:

Inviato 08 marzo 2009 - 03:09

Volevo riportare qui di sotto alcune caratteristiche di base che distinguono i brachiopodi dai bivalvi.

I brachiopodi sono solitamente simmetrici rispetto al piano perpendicolare al piano di chiusura delle due valve. La valva più grande è quella che accoglie l'umbone, rigonfiamento sulla parte posteriore del guscio, solitamente forata da dove usciva un organo per la fissazione, il peduncolo. Questa valva è detta ventrale, l'animale vi si appoggiava sopra quando appoggiato al fondale. La valva superiore, chiamata dorsale, permetteva la brachiopode di serrarsi dentro quando c'era pericolo. Esternamente le due valve avevano una serie di ornamentazioni. Variavano da coste, ovvero rigonfiamenti della conchiglia che andavano dall'umbone al margine anteriore, piuttosto che spine, spesso usate per stabilizzarsi sul fondale, oppure ancora rughe e sempre presenti le lamelle di crescita, che testimoniano le fasi di crescita della conchiglia stessa, riunite in lamine.
In alcuni esemplari la conchiglia presenta strutture dette ondulazioni, che si originano la parte centrale della conchiglia, per terminare sulla parte anteriore.
Queste possono essere anche molto accentuate, avevano probabilmente la funzione di impedire l'entrata di microrganismi all'interno del brachiopode quando le valve erano aperte.
L'umbone può essere forato da deltyrium, un foro triangolare, oppure parzialmente chiuso, o forato da un foramen, foro circolare.

Un'ultima importante struttura è l'interarea. E' una porzione di conchiglia che va dall'umbone fino al margine cardinale, ovvero la parte dove le valve si toccano posteriormente. Questa non è presente in tutti gli esemplari, ma quando c'è il margine cardinale termina con spigolature. Ha curvatura opposta a quella del resto della conchiglia, serviva probabilmente per appoggiarsi sul fondale.

#2 Davide87

Davide87

    Molecola Inorganica

  • Iscritto
  • Stelletta
  • 8 Messaggi:

Inviato 01 ottobre 2012 - 01:11

Non mi è mai andato giù il fatto che la valva più piccola e che è a contatto o nelle vicinanze del substrato è detta dorsale, mentre quella superiore prende il nome di ventrale. Quindi il peduncolo fuoriesce da quella ventrale! Gli sciogli cervelli della sistematica! :)

#3 bisnonno

bisnonno

    Ultra Sapiens

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5360 Messaggi:

Inviato 01 ottobre 2012 - 10:49

Visualizza MessaggioDonmiguel, il 08 marzo 2009 - 03:09 , ha scritto:

Volevo riportare qui di sotto alcune caratteristiche di base che distinguono i brachiopodi dai bivalvi.

I brachiopodi sono solitamente simmetrici rispetto al piano perpendicolare al piano di chiusura delle due valve. La valva più grande è quella che accoglie l'umbone, rigonfiamento sulla parte posteriore del guscio, solitamente forata da dove usciva un organo per la fissazione, il peduncolo. Questa valva è detta ventrale, l'animale vi si appoggiava sopra quando appoggiato al fondale. La valva superiore, chiamata dorsale, permetteva la brachiopode di serrarsi dentro quando c'era pericolo. Esternamente le due valve avevano una serie di ornamentazioni. Variavano da coste, ovvero rigonfiamenti della conchiglia che andavano dall'umbone al margine anteriore, piuttosto che spine, spesso usate per stabilizzarsi sul fondale, oppure ancora rughe e sempre presenti le lamelle di crescita, che testimoniano le fasi di crescita della conchiglia stessa, riunite in lamine.
In alcuni esemplari la conchiglia presenta strutture dette ondulazioni, che si originano la parte centrale della conchiglia, per terminare sulla parte anteriore.
Queste possono essere anche molto accentuate, avevano probabilmente la funzione di impedire l'entrata di microrganismi all'interno del brachiopode quando le valve erano aperte.
L'umbone può essere forato da deltyrium, un foro triangolare, oppure parzialmente chiuso, o forato da un foramen, foro circolare.

Un'ultima importante struttura è l'interarea. E' una porzione di conchiglia che va dall'umbone fino al margine cardinale, ovvero la parte dove le valve si toccano posteriormente. Questa non è presente in tutti gli esemplari, ma quando c'è il margine cardinale termina con spigolature. Ha curvatura opposta a quella del resto della conchiglia, serviva probabilmente per appoggiarsi sul fondale.


Bella lezione..., comunque ;) :) , l'importante, per noi...è che siano....fossiliiiiiiii. :D
Belli...secchi, induriti e.., possibilmente :D mineralizzatiiii.

Crudi...son buoni a tavolaaaa e buono, comunque, il sapersi dove tengono la muscolaturaaaa, cosi ci rende la cosa più facilitata nel capire dove infilare il coltello per...aprirliiiii ;) :D .

nonno




Copyright © 2021 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana