Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Caratteristiche salienti brachiopodi - conchiglia interna


  • Per cortesia connettiti per rispondere
4 risposte a questa discussione

#1 Donmiguel

Donmiguel

    Molecola Inorganica

  • Iscritto
  • Stelletta
  • 8 Messaggi:

Inviato 08 marzo 2009 - 03:33

La conchiglia interna presenta una struttura fondamentale per la costruzione delle valve: il mantello. Questo è un tessuto organico che secerne la conchiglia. Purtroppo essendo organico va incontro a decomposizione con la morte degll'organismo.
Ben visibile invece all'interno del brachiopode sono i denti e le fossette. I primi si ritrovano sulla valva ventrale, le seconde su quella dorsale. I denti si incastravano nelle fossette, garantendo un preciso piano di apertura per le valve; fornivano insomma l'articolazione. Esistevano anche brachiopodi Inarticolata, ovvero sprovvisti di articolazione, come Lingulella, lontano parente di lingula, attuale brachipode inarticolato.
Dallo studio delle tracce che i muscoli hanno lasciato sulle valve interne, si è notato che gli Articolata possedevano due coppie di muscoli, due adduttori e due diduttori. Invece gli inarticolata avevano un numero di muscoli decisamente superiore, tra cui coppie di muscoli trasversali, che si attaccavano nella parte anteriore della dorsale e nella posteriore della ventrale, permettendo così di mantenere in asse il brachiopode quando socchiudeva le valve.
Questo sistema però era ed è meno vantaggioso, perchè il controllo di un maggiore numero di muscoli comporta uno spreco maggiore di ATP.

Infine all'interno del brachipode esiste una struttura ossea fondamentale, che permette di classificare uno di questi esemplari da un bivalve. La struttura in questione è detta struttura brachiale. Si suddivide in 3 classi.

- Brachioforo: struttura di sostegno del lofoforo. Presente nelle forme più primitive di brachiopodi. E' costituito da due ecrescenze che partivano dalla valva dorsale e penetravano di poco nell'area adibita alle parti molli dell'organismo.
- Crura: struttura simile al brachioforo, che però era più sviluppata verso l'interno rispetto al brachioforo.
- Brachidio: costituisce un evoluzione delle due forme precedenti. Parte come due strutture separate, come il brachioforo o la crura, per poi fondersi in un unica struttura articolata. In alcuni casi le due strutture del brachidio non si fondono ma restano separate, ma presentano una serie di avvolgimenti molto complessi, a forma di cono o spirale.

Tutte queste strutture servivano da sostegno per il lofoforo, organo cigliato che veniva usato per prelevare dall'acqua le sostanze nutritive e l'osigeno necessari per il sostentamento dell'organismo.

#2 Davide87

Davide87

    Molecola Inorganica

  • Iscritto
  • Stelletta
  • 8 Messaggi:

Inviato 01 ottobre 2012 - 01:13

Altra caratteristica molto interessante che ha anche risvolti sulla paleontologia "pratica"  è che i brachiopodi non sono provvisti di legamento, l'elemento che funge da antagonista all'azione dei muscoli adduttori nei molluschi per la chiusura della conchiglia. Quindi i muscoli dei molluschi devono "faticare" per chiudere le valve, motivo per cui quando muore l'animale, i muscoli si rilassano, esse si aprono sotto il tiro del legamento, che essendo anche esso di natura organica, deperisce e si decompone lasciando dislocate le valve. I brachiopodi invece si ritrovano con le valve unite con molta piu frequenza rispetto a quanto succede con i molluschi poichè anche se i muscoli si rilassano alla morte dell'animale, non c'è l'impeto del legamento a anticiparne oltremodo l'apertura. Ovviamente se il tasso di sedimentazione è elevato e la diagenesi avrà agito senza disturbi troveremo anche molluschi "integri". Un cenno alla riproduzione (scusate se ora vado fuori tema con la parentesi più zoologica)  la maggior parte delle specie attuali di "brachiops" sono a sessi separati, quelle ermafrodite sono proterandre, ossia gli individui sono maschi nella prima parte della loro vita. Ultimo fatto straordinario sul quale sono però ancora poco informato, sono note alcune specie che praticano cure parentali...! Ci sarà da divertirsi!!

#3 bisnonno

bisnonno

    Ultra Sapiens

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5360 Messaggi:

Inviato 01 ottobre 2012 - 10:45

Bella lezione..., comunque ;) :) , l'importante, per noi...è che siano....fossiliiiiiiii. :D
Belli...secchi, induriti e.., possibilmente :D mineralizzatiiii.

Crudi...son buoni a tavolaaaa e buono, comunque, il sapersi dove tengono la muscolaturaaaa, cosi ci rende la cosa più facilitata nel capire dove infilare il coltello per...aprirliiiii ;) :D .

nonno

#4 Prejott

Prejott

    Dinosauro

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3160 Messaggi:

Inviato 01 ottobre 2012 - 11:33

....ma c'è qualcuno che mangia i brachiopodi?

interessante quanto bizzarra la cosa delle cure parentali ;)

#5 francomete

francomete

    Ultra Sapiens

  • EXPERT
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7058 Messaggi:

Inviato 01 ottobre 2012 - 11:37

Nonno mangia tutto, anche i gusci ::)




Copyright © 2021 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana