Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Lettomanoppello


  • Per cortesia connettiti per rispondere
7 risposte a questa discussione

#1 Guest_fred_*

Guest_fred_*
  • Visitatore

Inviato 26 settembre 2005 - 09:01

Qual?cuno di voi conosce l'affioramento in localit? lettomanoppello (Maiella) dove si trovano denti di squalo?

#2 Guest_fred_*

Guest_fred_*
  • Visitatore

Inviato 26 settembre 2005 - 09:06

Immagine:
/Public/data/fred/200592622546_KIF_3847.JPG
142,11 KB


questo ? un gasteropode trovato nella valle delle tre grotte (Maiella)

#3 Albertina

Albertina

    Spugna

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 693 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2005 - 02:06

Vedr? d'informarmi e ti far? sapere. Non ? distante da Pescara, magari sarebbe il caso di fare una visita sul posto. Hai fatto bene segnalarlo.
Ciao

#4 Albertina

Albertina

    Spugna

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 693 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2005 - 06:33

Se è qui non è che si arriva subito.


VALLONE DELLE TRE GROTTE


Partenza: Pennapiedimonte, Balzolo
Dislivello: irrilevante
Tempo di percorrenza: 2 ore
Lunghezza: km 5 circa
Segnaletica: itinerario su sterrata
Ritorno: stesso itinerario

La Valle dell'Avello è uno dei tanti canyon della Maiella. Largo ed aperto verso il paese di Pennapiedimonte: chiuso ed impervio, più in alto, quando si incunea nel cuore del versante settentrionale della Maiella. L'itinerario proposto ci d? una immagine sufficiente dell'ambiente grandioso di questa parte del massiccio. Pareti precipiti, valli e valloni laterali, estese foreste sui pendii quasi verticali. Negli ultimi anni sono stati riattati e segnati i vecchi percorsi dei pastori boscaioli e cavatori di ghiaccio, che partivano di notte con i muli e, andavano a prelevare il ghiaccio nei nevai perenni nell'alta Valle dell'Avello. Mettevano il ghiaccio in sacchi di iuta riempiti a met? di paglia per una migliore coibentazione; poi si rimettevano in cammino per vendere il "prezioso" carico ai signori di Chieti, e anche alle corti di Roma e Napoli. Da Pennapiedimonte si sale al Balzolo (710 m) la piazzetta alta del paese. Qui inizia l'escursione che percorre la sterrata e che parte dalla piazzetta. Oltrepassata una galleria, si entra nella valle dominata da alte pareti dove spesso si incontrano scalatori in azione. Man mano che si prosegue, il panorama si allarga sul vallone e su questo versante della Maiella. Si oltrepassa un'altra galleria e, si continua in un ambiente ora pi? verde e meno dominato dal grigio calcare. Proseguendo ancora, si giunge al termine della sterrata e alla fine di questa escursione.

#5 Guest_fred_*

Guest_fred_*
  • Visitatore

Inviato 27 settembre 2005 - 07:16

Citazione:
Messaggio inserito da ALBERTINA

Se ? qui non ? che si arriva subito.


VALLONE DELLE TRE GROTTE


Partenza: Pennapiedimonte, Balzolo
Dislivello: irrilevante
Tempo di percorrenza: 2 ore
Lunghezza: km 5 circa
Segnaletica: itinerario su sterrata
Ritorno: stesso itinerario

La Valle dell'Avello e uno dei tanti canyon della Maiella. Largo ed aperto verso il paese di Pennapiedimonte: chiuso ed impervio, pi? in alto, quando si incunea nel cuore del versante settentrionale della Maiella. L'itinerario proposto ci d? una immagine sufficiente dell'ambiente grandioso di questa parte del massiccio. Pareti precipiti, valli e valloni laterali, estese foreste sui pendii quasi verticali. Negli ultimi anni sono stati riattati e segnati i vecchi percorsi dei pastori boscaioli e cavatori di ghiaccio, che partivano di notte con i muli e, andavano a prelevare il ghiaccio nei nevai perenni nell'alta Valle dell'Avello. Mettevano il ghiaccio in sacchi di iuta riempiti a met? di paglia per una migliore coibentazione; poi si rimettevano in cammino per vendere il "prezioso" carico ai signori di Chieti, e anche alle corti di Roma e Napoli. Da Pennapiedimonte si sale al Balzolo (710 m) la piazzetta alta del paese. Qui inizia l'escursione che percorre la sterrata e che parte dalla piazzetta. Oltrepassata una galleria, si entra nella valle dominata da alte pareti dove spesso si incontrano scalatori in azione. Man mano che si prosegue, il panorama si allarga sul vallone e su questo versante della Maiella. Si oltrepassa un'altra galleria e, si continua in un ambiente ora pi? verde e meno dominato dal grigio calcare. Proseguendo ancora, si giunge al termine della sterrata e alla fine di questa escursione.






No il gasteropode non viene dal sentiero che parte da Pennapiedimonte. Si scende dalla tavola dei Briganti.

#6 Albertina

Albertina

    Spugna

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 693 Messaggi:

Inviato 28 settembre 2005 - 06:41

caro Fred
ieri sera ho sentito telefonicamente un collega di lavoro che sapevo nativo di Caramanico Terme, quindi una localit? vicina al Vallone delle Tre Grotte, chiedendogli se in zona sono mai stati ritrovati fossili (non osavo dire squalo) ma ? stato lui per primo a dire che da bambino con i suoi amici trovavano spesso pesci conchiglie foglie nelle rocce e il trovarli ? abbastanza facile.
Ora io ho guardato bene una cartina della zona (scala 1: 50 000) e ho ritrovato il Vallone che ci interessa.

In pi? ho un itinerario dal quale riporto alcuni passi:
"Da Lettomanoppello si raggiunge la Maielletta (in auto) e da qui a piedi verso il Blockhaus (mt.2.142); si prosegue e si raggiunge il M.Cavallo da dove si pu? scendere nel Vallone delle Tre Grotte (a sinistra, mentre a destra c'? la valle dell'Orfento)
Si supera quindi il Monte Cavallo dopo il quale, a circa 40 minuti dalla partenza, si prende sulla destra una deviazione che conduce alla "Tavola dei Briganti", le cui rocce scendono precipiti sulla verdeggiante riserva naturale dell'Orfento.
Si sale poi lungo le pendici del Focalone per il bivacco Fusco.
Durante la salita si ha agio di osservare la miriade di fossili(soprattutto rudiste) che arabescano le rocce.(sta scritto proprio cos?!!!)

Insomma.. ?  da andare a vedere. Io far? il possibile, per? non credo subito. Se tu vuoi visitare presto il luogo ti posso fornire la macchina affinch? tu possa portarti in zona.

Saluti
Albertina

#7 Albertina

Albertina

    Spugna

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 693 Messaggi:

Inviato 28 settembre 2005 - 06:57

Immagine:
/Public/data/Albertina/200592881756_cartina3.jpg
212,31 KB

#8 Guest_fred_*

Guest_fred_*
  • Visitatore

Inviato 28 settembre 2005 - 09:05

Citazione:
Messaggio inserito da ALBERTINA

caro Fred
ieri sera ho sentito telefonicamente un collega di lavoro che sapevo nativo di Caramanico Terme, quindi una localit? vicina al Vallone delle Tre Grotte, chiedendogli se in zona sono mai stati ritrovati fossili (non osavo dire squalo) ma ? stato lui per primo a dire che da bambino con i suoi amici trovavano spesso pesci conchiglie foglie nelle rocce e il trovarli ? abbastanza facile.
Ora io ho guardato bene una cartina della zona (scala 1: 50 000) e ho ritrovato il Vallone che ci interessa.

In pi? ho un itinerario dal quale riporto alcuni passi:
"Da Lettomanoppello si raggiunge la Maielletta (in auto) e da qui a piedi verso il Blockhaus (mt.2.142); si prosegue e si raggiunge il M.Cavallo da dove si pu? scendere nel Vallone delle Tre Grotte (a sinistra, mentre a destra c'? la valle dell'Orfento)
Si supera quindi il Monte Cavallo dopo il quale, a circa 40 minuti dalla partenza, si prende sulla destra una deviazione che conduce alla "Tavola dei Briganti", le cui rocce scendono precipiti sulla verdeggiante riserva naturale dell'Orfento.
Si sale poi lungo le pendici del Focalone per il bivacco Fusco.
Durante la salita si ha agio di osservare la miriade di fossili(soprattutto rudiste) che arabescano le rocce.(sta scritto proprio cos?!!!)

Insomma.. ?  da andare a vedere. Io far? il possibile, per? non credo subito. Se tu vuoi visitare presto il luogo ti posso fornire la macchina affinch? tu possa portarti in zona.

Saluti
Albertina






questa estate non siamo saliti fino alla scogliera a rudiste. SIamo scesi nella valle delle tre grotte all'altezza della toavola dei briganti e li ho trovato quel gasteropode insieme a frammenti di rudiste e nummuliti!




Copyright © 2019 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana