Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Hulk", un coccodrillo muscoloso tra dinosauri


  • Per cortesia connettiti per rispondere
2 risposte a questa discussione

#1 nonno

nonno

    Ultra Sapiens

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5259 Messaggi:

Inviato 06 ottobre 2015 - 01:55

"HULK", Un coccodrillo muscoloso tra i dinosauri trovati nei Pirenei

FONTE - http://www.icp.cat/i...ulos-dinosaures

Tradotto con Google. ;) ;D ;D


Un team di ricercatori dell'Istituto catalano di Paleontologia Miquel Crusafont e l'Università di Barcellona ha descritto in un articolo pubblicato sulla rivista PeerJ una nuova specie di coccodrillo che vivevano nei dinosauri del Cretaceo con le recenti Pirenei. Allodaposuchus Hulk è il nome che è stato dato alla nuova specie in onore del supereroe Marvel "Hulk", perché è un animale molto robusto, con una muscolatura ben sviluppata e possibilmente molto forte arto - La nuova specie, battezzato con il nome allodaposuchus Hulk è stato scoperto nel 2003 nei pressi del villaggio Orcau (Pallars Jussà, Lleida). I resti comprendono varie parti del cranio, colonna vertebrale, cingolo scapolare e arti anteriori che apparteneva allo stesso individuo. Essi presentano una serie di caratteristiche anatomiche uniche che hanno permesso un gruppo di ricercatori dell'Istituto catalano di Paleontologia Miquel Crusafont (ICP) e l'Università di Barcellona (UB), diretto da Alejandro Blanco, un paleontologo presso l'ICP, descrivono nuove specie di coccodrillo in un articolo pubblicato sulla rivista PeerJ. – "Il inserzioni morfologiche e muscolari arti anteriori dimostra che A. Hulk era un animale forza molto robusto, muscoloso e forse molto agli arti", spiega Blanco. Questa caratteristica ha guadagnato l'epiteto specifico "Hulk" in riferimento a "Hulk", il famoso supereroe verde Marvel. A. Hulk sottolinea in particolare lo sviluppo dei muscoli che permettono di mantenere le gambe tese, destinate a mantenere il corpo ingombrante dell'animale dal pavimento. "La massa muscolare è molto più alta anche rispetto ad altre specie di allodaposuchus", ha detto il ricercatore. Questa configurazione può indicare una passeggiata semierecte e scansione. Una caratteristica del genere è la presenza di allodaposuchus aperture auricolari (che sarebbero le orecchie) molto spaziose, che era la funzione sconosciuta. In questo studio, i ricercatori hanno ottenuto immagini con computerizzata a raggi X apparato tomografia deve osservare un circuito e del seno complesse cavità all'interno del cranio, direttamente collegato con la otic di apertura e sono probabilmente correlate a un acuto senso di udito. Inoltre, questa grande cavità alleggerire il peso del cranio.
La combinazione di un cranio leggero, orecchio e una buona postura quando si cammina semierecte suggeriscono che Hulk fosse abitudini allodaposuchus preferibilmente terrestri, in grado di fare lunghe scorribande dagli ambienti dei fiumi che hanno dominato il paesaggio dei Pirenei fa 69 milioni di anni. Nella zona dove hanno trovato i resti di A. Hulk anche recuperati numerosi resti di dinosauri non hanno escluso le interazioni predatore-preda fra i due gruppi di animali

Allega File(s)



#2 darwin60

darwin60

    Spugna

  • EXPERT
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 748 Messaggi:

Inviato 06 ottobre 2015 - 11:39

una correzione: Allodaposaurus hulki
con la "i" finale

Ricordo che la nomenclatura binomiale va messa in corsivo con iniziale maiuscola del genere e minuscola della specia.

Reperto interessante dell'inizio del Maastrichtiano.
mi piacerebbe sapere, date le presunte abitudini semiterricole se è in qualche modo collegato con i sebecosuchidi e i pristochampidi, coccodrilli del Paleocene dalle abitudini terricole...

#3 darwin60

darwin60

    Spugna

  • EXPERT
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 748 Messaggi:

Inviato 06 ottobre 2015 - 11:46

in effetti allodaposuchi e Pristichampidi (o come si chiamano) senbrano ben imparentati!.




Copyright © 2019 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana