Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Paraloid, Vinavil e affini


  • Per cortesia connettiti per rispondere
14 risposte a questa discussione

#1 MORO

MORO

    Protozoo

  • Utente old
  • StellettaStellettaStelletta
  • 418 Messaggi:
  • E-mail pubblica:moro.verona@gmail.com

Inviato 30 aprile 2016 - 11:22

Grazie...di paraloid e vinavil già avevo letto, dell' attack invece non sapevo!
Non c'è il pericolo che faccia la patina bianca?
Diciamo che volendo fare una scala crescente sulla qualità dei prodotti utilizzabili come consolidante su matrici morbide, potremo mettere, ovviamente diluite (10% circa):
vernice trasparente, Vinavil, Attack, Paraloid. È corretto?
Ci sono casi in cui è consigliato utilizzare un prodotto anziché un'altro?
Chiedo scusa a Simone se rubo spazio alla sua pigna...magari si potrebbe spostare questa discussione aprendo uno spazio apposito!

#2 MORO

MORO

    Protozoo

  • Utente old
  • StellettaStellettaStelletta
  • 418 Messaggi:
  • E-mail pubblica:moro.verona@gmail.com

Inviato 30 aprile 2016 - 11:22

Grazie

#3 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5380 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 01 maggio 2016 - 12:33

Allora
ho diviso il messaggio e messo in apposita sezione

così possiamo continuare la discussione senza creare troppo off-topic ;)

allora in ordine:

come grado di pericolosità partiamo dal

lucido di scarpe (usato nei primi esperimenti su fossili quando avevo 10-12 anni?!?)
poi
lacca per capelli, vernice trasparente, Vinavil, Attack, Paraloid

ma da utilizzare sarebbero solamente Attack e colle simili e Paraloid B72 (resine acriliche simili, ve ne sono una quantità ormai)

Io dal canto mio uso sempre e quasi sempre il Paraloid diluito al momento per quello che mi serve
(lo compro in granuli e lo disciolgo quando mi serve)
altrimenti se ne diluite troppo e lo lasciate nella bottiglia, dopo un pò vi trovate un pezzo di plastica e basta.....

x le matrici morbide
dipende dalla matrice
uso diluizioni comprese fra il 2-3% al 20% max 30%

un grado maggiore in percentuale ottieni l'inverso dell'effetto sperato
cioè che la miscela non riesca a infiltrarsi tra i granuli ed a rendere stabile la matrice

quindi maggiore è la diluizione
più dentro alla matrice la sostanza riesce a penetrare
ottenendo un maggiore effetto di stabilizzazione

inoltre un effetto collaterale di percentuali maggiori è l'effetto plasticoso
che si ottiene una volta asciutto
( all'Università, più di 20 anni fà, in laboratorio un tecnico che ci spiegò al volo alcune tecniche raccontò
che anche il paraloid abusato su alcuni pezzi ingiallisce con il tempo e l'esposizione alla luce solare)

quindi meglio essere parchi.

Un sistema per consolidare grosse matrici e che ho usato alcune volte è stato:
  • diluizione al 2-3% per penetrare il più possibile nella matrice e consolidare il tutto
  • poi una volta ripetuto il procedimento varie volte ed a distanza di 24/48 ore per dare il tempo di asciugarsi bene, ho preparato una miscela al 5-7% e rifatto il processo
  • poi ho fatto una miscela al 20% circa e completato la procedura anche sul fossile
con questo sistema, insegnatomi a suo tempo in laboratorio, si ottiene una consolidamento più profondo e con risultati migliori

come in ogni cosa poi, abusare è sempre un errore!

Altri composti o resine acriliche
ho sentito parlare ed ho visto pezzi preparati con nuove miscele e resine
ad esempio sui pezzi americani e del Nord Africa
non mi sono mai interessato al loro acquisto in quanto
il prezzo è molto superiore al litro al Paraloid
e quindi da acquistare solo in casi particolari

le lavorazioni sono migliori (meno effetti collaterali) e mi pare si possano utilizzare
con una resa maggiore e tempi minori rispetto al B72
ma ripeto
non provato di persona e quindi non saprei dare ulteriori info

queste sono alcune idee al volo
ad altri se avete da aggiungere ...siete i benvenuti

postate le vostre esperienze, positive e negative
saranno utili a tutti

:)

#4 Max

Max

    Trilobite

  • Utente old
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1232 Messaggi:
  • LocalitàComo

Inviato 02 maggio 2016 - 07:12

Concordo pienamente.
Tuttavia mi sono reso conto che il consolidamento di alcuni 'pezzi miocenici provenienti da sedimenti con una percentuale di marna producono uno scurimento del prodotto finito, un effetto che non mi piace. Vorrei capire come fare ad ovviare a questa specie di cambiamento di colorazione datami appunto dal Paraloid B72 :( :(

#5 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5380 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 02 maggio 2016 - 07:21

Visualizza MessaggioMax, il 02 maggio 2016 - 07:12 , ha scritto:

Concordo pienamente.
Tuttavia mi sono reso conto che il consolidamento di alcuni 'pezzi miocenici provenienti da sedimenti con una percentuale di marna producono uno scurimento del prodotto finito, un effetto che non mi piace. Vorrei capire come fare ad ovviare a questa specie di cambiamento di colorazione datami appunto dal Paraloid B72 :( :(

Percentuali usate?
Sedimento asciutto o umido?
modalità di trattamento?

di solito con il paraloid a basse percentuali di diluizione
resta il colore del sedimento originale
solo che ci vuole più tempo e maggiori passate per consolidare

oppure passare ad altri prodotti sempre nelle resine acriliche (costi maggiori)

#6 Max

Max

    Trilobite

  • Utente old
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1232 Messaggi:
  • LocalitàComo

Inviato 02 maggio 2016 - 08:41

Forse tendo a tenere percentuali un po' alte nella diluizione. Sicuramente superiori al 2-3% proposto da te

#7 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5380 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 02 maggio 2016 - 09:16

Per mia esperienza fino al 5-7% non vedo modifiche nel colore del sedimento

poi dipende molto dalla matrice

proprio questi giorni devo fare un lavoro su alcune marne triassiche tedesche
e farò delle prove

quello è sicuramente un sedimento che tende a scurirsi
con il trattamento

farò delle prove su dei pezzetti senza nulla e vediamo cosa ne esce

#8 FOSSIL1

FOSSIL1

    Trilobite

  • EXPERT
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1179 Messaggi:
  • E-mail pubblica:stefano.novello@yahoo.it
  • LocalitàUdine

Inviato 02 maggio 2016 - 04:37

di base è meglio evitare tutte quelle cose che sono idrosolubili come vinavil, lacche e roba varia (a meno che non viviate nel deserto).
meglio evitare anche quelle cose che sono assolutamente insolubili come l'attack e i vari composti cianoacrilati (indicati invece per aggiustare fratture e simili).

il top sono il paraloid ben diluito in modo da farlo penetrare bene o le varie resine acriliche (vernici trasparenti) diluite per bene.

Personalmente preferisco le resine acriliche perchè sono più veloci, disponibili con varie caratteristiche, non ingialliscono nel tempo e sono più facili da rimuovere

#9 Max

Max

    Trilobite

  • Utente old
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1232 Messaggi:
  • LocalitàComo

Inviato 03 maggio 2016 - 07:25

Visualizza MessaggioFOSSIL1, il 02 maggio 2016 - 04:37 , ha scritto:

di base è meglio evitare tutte quelle cose che sono idrosolubili come vinavil, lacche e roba varia (a meno che non viviate nel deserto).
meglio evitare anche quelle cose che sono assolutamente insolubili come l'attack e i vari composti cianoacrilati (indicati invece per aggiustare fratture e simili).

il top sono il paraloid ben diluito in modo da farlo penetrare bene o le varie resine acriliche (vernici trasparenti) diluite per bene.

Personalmente preferisco le resine acriliche perchè sono più veloci, disponibili con varie caratteristiche, non ingialliscono nel tempo e sono più facili da rimuovere
Puoi fare alcuni nomi di queste resine? Ce ne sono veramente tante! Quale usi tu di solito?

#10 Udinora

Udinora

    Protozoo

  • Utente old
  • StellettaStellettaStelletta
  • 479 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2016 - 08:00

Visualizza MessaggioFOSSIL1, il 02 maggio 2016 - 04:37 , ha scritto:

di base è meglio evitare tutte quelle cose che sono idrosolubili come vinavil, lacche e roba varia (a meno che non viviate nel deserto).
meglio evitare anche quelle cose che sono assolutamente insolubili come l'attack e i vari composti cianoacrilati (indicati invece per aggiustare fratture e simili).

il top sono il paraloid ben diluito in modo da farlo penetrare bene o le varie resine acriliche (vernici trasparenti) diluite per bene.

Personalmente preferisco le resine acriliche perchè sono più veloci, disponibili con varie caratteristiche, non ingialliscono nel tempo e sono più facili da rimuovere
Ritengo che nel forum sia giusto esprimere le proprie idee,riportare le proprie esperienze e dare i consigli che si ritiene utili,però devono essere giusti non errati. Mi riferisco a quanto detto sull'Attack e cianoacrilati, secondo la mia esperienza da chimico, dico che le cose non stanno così:
1)non è vero che i cianoacrilati siano insolubili,perchè se si prende un pezzo incollato,oppure se ci si incolla le dita come spesso succede,basta spennellare dell'acetone e la colla si scioglie,quindi il cianoacrilato ha come SOLVENTE l'acetone
2) Diverso invece è il discorso sulla diluizione del cianoacrilato, perchè si diluisce a piacere sempre con l'acetone,però non è stabile, la soluzione và usata nelle 8 ore successive ,perchè poi inizia a polimerizzare quindi a indurire. Questo è dovuto a due fattori, uno che la soluzione ha una fluidità generata dalla fabbricazione,per cui così è,l'altra è che l'acetone anche se dichiarato anidro contiene sempre qualche radicale OH per cui fà polimerizzare la colla.

Comunque se abbiamo un fossile spalmato di Attack, se lo laviamo con dell'acetone, la colla si scioglie e viene tolta.

Per quanto riguarda gli altri prodotti, è inutile che faccia commenti,ognuno usa quelli che secondo lui sono i migliori, definiti tali da esperienza,convinzione,consigli di altri utilizzatori ecc. Perciò Buon Lavoro e risultati eccezzionalia tutti.

#11 Max

Max

    Trilobite

  • Utente old
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1232 Messaggi:
  • LocalitàComo

Inviato 03 maggio 2016 - 10:49

Rivolgo anche a te, alla luce della tua esperienza, la domanda relativa al consiglio di eventuali resine acriliche  per il consolidamento della pietra soprattutto marnosa o friabile. Grazie

#12 Udinora

Udinora

    Protozoo

  • Utente old
  • StellettaStellettaStelletta
  • 479 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2016 - 01:21

Visualizza MessaggioMax, il 03 maggio 2016 - 10:49 , ha scritto:

Rivolgo anche a te, alla luce della tua esperienza, la domanda relativa al consiglio di eventuali resine acriliche  per il consolidamento della pietra soprattutto marnosa o friabile. Grazie
Io per il consolidamento,dopo le prime esperienze,ho sempre usato Paraloid e Cianoacrilati, qualche volta ho usato il Mowilit, ma poi ho visto che tende a cristallizzare, ho usato anche un'altro prodotto, che mi dava un caro amico che faceva il restauratore di reperti lapidei e mosaici antichi,ma non conosco il nome,e,purtroppo  il prodotto è finito da qualche anno e l'amico non c'è più. Comunque sò che lui si riforniva dalla CTS, che sono i leader per prodotti di restauro. Se vuoi puoi consultare loro e leggere le schede tecniche dei vari prodotti,poi eventualmente contattarli. Hanno una sede anche a Milano.
su internet,trovi  a questo indirizzo   ctseurope.com/catalogo.php

#13 Max

Max

    Trilobite

  • Utente old
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1232 Messaggi:
  • LocalitàComo

Inviato 04 maggio 2016 - 06:49

Si, in CTS a Milano zona Bicocca ci sono stato. Sono molto forniti

#14 FOSSIL1

FOSSIL1

    Trilobite

  • EXPERT
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1179 Messaggi:
  • E-mail pubblica:stefano.novello@yahoo.it
  • LocalitàUdine

Inviato 05 maggio 2016 - 06:58

quando i cianoacrilati penetrano nella pietra porosa e completano la cristallizzazione non li togli più. come consolidante è sconsigliato da chiunque faccia conservazione di beni paleontologici a livello professionale.

#15 FOSSIL1

FOSSIL1

    Trilobite

  • EXPERT
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1179 Messaggi:
  • E-mail pubblica:stefano.novello@yahoo.it
  • LocalitàUdine

Inviato 05 maggio 2016 - 07:00

fermo restando che comunque ne uso almeno 80kg all'anno




Copyright © 2017 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana