Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Cheratina e melanosomi in fossile di 130 milioni


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 nonno

nonno

    Ultra Sapiens

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5259 Messaggi:

Inviato 26 novembre 2016 - 01:39

Da SCIENZEDaily

Cheratina e melanosomi trovati im un accellodi 130 m.a.

]https://www.scienced...61121174452.htm

https://www.scienced...s/paleontology/

]Nuova ricerca da North Carolina State University, l'Accademia cinese dellescienze e l'Università di Linyi ha trovato prove di cheratina originale e melanosome conservazione in un esemplare di Eoconfuciusornis di 130 milioni di anni. Il lavoro si estende l'intervallo di tempo in cui molecole originali possono conservare, e dimostra la capacità di distinguere tra antiche microstrutture in fossili.

Eoconfuciusornis, uccelli primitivi dimensioni corvo che ha vissuto in che cosa ora è la Cina circa 130 milioni anni fa, sono gli uccelli più presto di avere un becco cheratinoso e senza denti, come gli uccelli moderni. Precedenti studi hanno sostenuto che le piume di questi e altri antichi uccelli e dinosauri conservati piccoli, rotondi strutture essere melanosomes - organelli contenenti pigmento che, insieme con altri pigmenti, danno il loro colore piume. Tuttavia, senza ulteriori prove, non era possibile dimostrare che queste strutture non erano solo i microbi che avevano rivestito la piumadurante la decomposizione e la fossilizzazione.

Yanhong Pan, associare research fellow presso l'Accademia cinese delle scienze e autore corrispondente di una carta che descrive la ricerca e co-autore Mary Schweitzer, NC State professore di biologia con incarico congiunto al Museo di scienze naturali di North Carolina ha esaminato le piumeda un esemplare di Eoconfuciusornis prelevati dal sito Jehol Biota nel nord della Cina, che è rinomato per l'eccellente conservazione fossile.

"Se questi piccoli corpi sono melanosomi, essi dovrebbero essere integrate in una matrice cheratinica, poiché le piume contengono beta-cheratina," dice Schweitzer. "Se non riuscivamo a trovare che la cheratina, quindiquelle strutture potrebbero facilmente essere microbi, o un mix dei microbi e dei melanosomes..--in entrambi i casi, le previsioni di ombreggiaturadi dinosauro non sarebbe accurate."

Pan, Schweitzer e il loro team usato Microscopia di scansione e trasmissione per ottenere dettagli microscopici della superficie di piuma e la sua struttura interna. Usano anche l'etichettatura di immunogold..--in cui le particelle d'oro sono attaccate agli anticorpi che si legano alle proteine particolari al fine di renderli visibili in microscopia elettronica..--per dimostrareche i filamenti entro le piume erano cheratina.

Infine, hanno mappato rame e zolfo a queste piume ad alta risoluzione. Zolfo è stato ampiamente distribuito, riflettendo la sua presenza nelle molecole di cheratina e la melanina in piume moderne. Tuttavia rame, che si trova solo nella moderna melanosomi e non fa parte della cheratina, è stata osservata soltanto nei melanosomes fossili. Questi risultati supportanol'identità dei melanosomes sia indicano che non c'era nessuna miscelazione o lisciviazione durante la decomposizione e la fossilizzazione.

"Questo studio è il primo a dimostrare la prova per cheratina e melanosomi, utilizzando metodi strutturali, chimici e molecolari," dice Pan. "Questimetodi hanno il potenziale per aiutarci a capire..--a livello molecolare..--come e perché le piume si è evoluta in questi lignaggi."

Storia di origine:

Materiali forniti da North Carolina State University. Nota: Il contenuto puòessere modificato per stile e lunghezza.
[/background]
[/font][/color][/color]

Allega File(s)






Copyright © 2019 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana