Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

BOLOGNA MINERAL SHOW 2017


  • Per cortesia connettiti per rispondere
13 risposte a questa discussione

#1 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 17 febbraio 2017 - 01:28

Buongiorno a tutti fra poche settimane inizierà la tanto attesa manifestazione Bologna Mineral Show, arrivata alla sua 48° edizione.

Tante saranno le novità e gli eventi, come sempre organizzati per il piacere di tutti i visitatori del settore o meno. Anche quest'anno largo spazio alle manifestazioni per i bambini, come sempre al centro di questo meraviglioso mondo di minerali, fossili, conchiglie e gemme e che saranno il nostro futuro collezionistico.

Vi aspettiamo numerosi, come ogni anno.

Grazie a tutti.

#2 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 17 febbraio 2017 - 01:29

I MINERALI FLUORESCENTI


Quando ammiriamo i minerali esposti nelle vetrine dei musei, di collezionisti privati e alle mostre mineralogiche quasi sempre ci soffermiamo alla valenza estetica dei campioni. Con questa mostra tematica  vedrete un’esposizione particolarmente affascinante di minerali fluorescenti in luce ultravioletta, resa possibile grazie alla collaborazione con il Museo di Mineralogia dell’Università “La Sapienza” di Roma che esporrà una parte della propria collezione.
I minerali fluorescenti nella quasi totalità, dal punto di vista estetico, non sono appariscenti ma nel buio di una stanza con l’illuminazione ultravioletta si trasformano in veri capolavori altrimenti non visibili con la normale luce.
Per non perdere l’occasione di vedere l’”invisibile” visitate il 48° Bologna MIneral Show dal 10 al 12 marzo 2017 presso l’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BO).
www.bolognamineralshow.com

MINERALS FLUORESCENT


When we admire the minerals on display in the windows of museums, private collectors and mineralogical exhibitions almost always we stop at the aesthetic value of the samples. With this thematic exhibition you will see an exhibition particularly attractive fluorescent in ultraviolet light minerals, made possible thanks to the collaboration with the Museum of Mineralogy, University "La Sapienza" of Rome, which will exhibit part of their collection.
Fluorescent minerals in almost all, from an aesthetic point of view, they are not visible, but in the darkness of a room with ultraviolet light are transformed into real masterpieces, usually not visible with normal light.
Not to miss the opportunity to see the '' invisible ' visit the 48th Bologna Mineral Show 10 to 12 March 2017 at the Unipol Arena - Casalecchio di Reno (BO).
www.bolognamineralshow.com

#3 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 17 febbraio 2017 - 01:30

DIMOSTRAZIONE DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE


Alfio Tomaselli catalizzerà l’attenzione dei visitatori con una dimostrazione su come l’uomo preistorico lavorava le pietre e le ossa per ottenere armi ed utensili, come otteneva i colori polverizzando i vari minerali presenti in natura, accenderà il fuoco utilizzando varie tecniche. Spiegherà la vita in un accampamento neolitico con tanto di pelli stese a terra con tutti i visitatori seduti a semicerchio intorno a lui e dopo la mezz’ora di dimostrazione saranno molte le persone che rimaste affascinate dalle sue parole resteranno anche per la successiva dimostrazione.
Non mancate di visitare la 48ma edizione del Bologna Mineral Show nella sede dell’Unipol Arena in via Gino Cervi 2 a Casalecchio di Reno (BO) nei giorni 10 – 11 – 12 marzo dalle 9.00 alle 19.00


DEMONSTRATION OF EXPERIMENTAL ARCHAEOLOGY


Alfio Tomaselli will catalyze the interest of visitors with a demonstration of how prehistoric man worked stones and bones to get weapons and tools, such as the colors obtained by pulverizing various naturally occurring minerals, and light the fire using various techniques.
He will explain life in a Neolithic camp all with of leathers lying on the ground with all visitors sat in a semicircle around him, and after the half-hour demonstration will be many people fascinated by his words who will remain for the next demonstration.
Be sure to visit the 48th edition of Bologna Mineral Show in the location of the Unipol Arena at Via Gino Cervi 2 in Casalecchio di Reno (BO) on March 10 – 11 - 12 from 9.00 to 19.00

#4 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 17 febbraio 2017 - 01:31

BOLCA E I SUOI FOSSILI


Visto l’enorme successo, la famiglia Cerato, proprietaria della cava e del Museo di Bolca, esporrà una rassegna dei migliori reperti fossili presenti nella sua ricca collezione, portando nuovi reperti fossili mai esposti al di fuori del loro museo ed esposti al Bologna Mineral Show.
La bellezza e l'importanza di questi campioni è riconosciuta a livello mondiale per la varietà, la rarità e la perfetta conservazione degli esemplari.
L' impegno della famiglia Cerato e in particolare di Massimo Cerato è quello di esibire ad una platea più vasta possibile, meraviglie del mondo fossile italiano, conosciuto ai professionisti del settore ma non altrettanto ai visitatori. il nostro impegno, come sempre, nel coniugare cultura e spettacolo nel campo mineralogico-paleontologico, sarà di allestire una degna presentazione per questo evento paleontologico importantissimo.
A coronamento della tematica, sarà attrezzata un'area dove Massimo Cerato porterà piccole lastre di pietra della Pesciara e i bambini che si vorranno cimentare in questa affascinante ricerca con un martelletto potranno cercare piccoli resti fossili della laguna pietrificata di Bolca risalenti a 50 milioni di anni fa e provare l'emozione di diventare per un giorno piccoli paleontologi...
Non mancate di visitare la 48ma edizione del Bologna Mineral Show nella sede dell’Unipol Arena in via Gino Cervi 2 a Casalecchio di Reno nei giorni 10 – 11 – 12 marzo dalle 9.00 alle 19.00


BOLCA AND ITS FOSSILS


Given the great success, Cerato family, owners of the quarry and the Bolca Museum, will exhibit a review of the best fossil spacimens present in their large collection, adding this time new fossils never ever exhibited outside of their museum and displayed at Bologna Mineral Show.
The beauty and importance of these samples is worldwide awarded because of variety, rarity and the perfect preservation of the specimens.
Commitment of Cerato family and especially by Massimo Cerato is to present to an as wider audience as possible, wonders of the Italian fossil world, known to professionals but not to visitors. Our commitment, as always, in combining culture and entertainment into mineralogical-paleontological field, will be to prepare a worthy ehibition to this most important paleontological event.
To culminate the exhibition, there will be an equipped area where Massimo Cerato will bring small stone slabs from Pesciara, and children who want to challenge themselves in a fascinating seeking with a hammer, will look for small fossils from the petrified lagoon of Bolca dating back to 50 million years ago, and experience the thrill of becoming young paleontologists for a day ...
Be sure to visit the 48th edition of Bologna Mineral Show in the location of the Unipol Arena at via Gino Cervi 2 in Casalecchio di Reno (BO) on March 10 – 11 - 12 from 9.00 to 19.00

#5 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 17 febbraio 2017 - 01:31

METEORITI


Dallo Spazio cadono sulla Terra  meteoriti  e questo avviene da milioni di anni, si è voluto quindi dedicare a questi corpi di origine extraterrestre una mostra tematica al 48° Bologna Mineral Show.
Sarà presente anche quest’anno il Museo Bombicci di Bologna, con una rassegna delle preziose e rare meteoriti della sua collezione e a completare questa tematica saranno esposte meteoriti dei Musei di Roma, Milano e Modena e di un importante collezionista italiano.
Per non perdere l’occasione di ammirare tutte le più importanti meteoriti cadute sul suolo italiano bisogna visitare il 48° Bologna Mineral Show dal 10 al 12 marzo 2017 presso l’Unipol Arena di Casalecchio di Reno.
www.bolognamineralshow.com

METEORITES


From Space meteorites fall on Earth and this is done for millions of years, so we wanted to devote to these bodies of extraterrestrial origin a thematic exhibition at the 48th Bologna Mineral Show.
  Also it will be present this year Bombicci Museum of Bologna, with an exhibition of precious and rare meteorites from his collection and to complete this theme will be exposed meteorites of the Museums of Rome, Milan and Modena and an important Italian collector.
Not to miss the chance to see all the most important meteorite falls on Italian soil must visit the 48th Bologna Mineral Show 10 to 12 March 2017 at the Unipol Arena – Casalecchio di Reno (BO).
www.bolognamineralshow.com

#6 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 17 febbraio 2017 - 01:32

PESCA ALL’ORO


Visto il grande successo di pubblico che riscuote la dimostrazione della ricerca dell’oro alluvionale setacciando le sabbie dei fiumi, anche quest’anno al 48° Bologna Mineral Show  verrà allestito il diorama che ricostruisce l’alveo di un fiume per permettere a tutti i visitatori di cimentarsi nella ricerca del prezioso metallo con il ritrovamento di vere pagliuzze d’oro.
La dimostrazione verrà effettuata da un noto ricercatore del Canavese che ha dedicato tutta la sua vita alla scoperta di depositi alluvionali auriferi lungo i fiumi e torrenti del Piemonte. Ai visitatori che si fermeranno verranno spiegate tutte le varie tecniche di ricerca, dalla tradizionale “batea” alla più complessa “canaletta”.
Non mancate di visitare la 48ma edizione del Bologna Mineral Show  nella sede dell’Unipol Arena in via Gino Cervi 2 a Casalecchio di Reno nei giorni 10 – 11 – 12 marzo dalle 9.00 alle 19.00


GOLD FISHING


In consideration of the great success of audience earned by the demonstration of alluvial gold panning sifting through the sands of rivers, this year at the 48th Bologna Mineral Show will be set up again the diorama that recreates the bed of a river to allow all visitors to try on their own seeking of the precious metal with the discovery of real gold flakes.
The demonstration will be carried out by a well-known prospector from Canavese who has devoted his whole life to the discovery of alluvial gold-bearing deposits along the rivers and streams of Piedmont Region.  Visitors who stay will be explained about all of  the various research techniques, from traditional "batea" the more complex "channel."
Be sure to visit the 48th edition of Bologna Mineral Show in the location of the Unipol Arena  at via Gino Cervi 2 in Casalecchio di Reno (BO) on March 10 – 11 – 12  from 9.00 to 19.00

#7 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 20 febbraio 2017 - 09:59

I FOSSILI DELLE ARGILLE ASTIGIANE


Anche quest’anno l’Ente Aree Protette Astigiane in occasione della 48° edizione del Bologna Mineral Show, continua con l’esposizione di alcune recenti acquisizioni del Museo Paleontologico dell’Astigiano. Queste sono costituite da esemplari di molluschi fossili molto particolari e porzioni di tronchi fossili mineralizzati, tutti provenienti da giacimenti affioranti lungo il corso del Fiume Tanaro, in prossimità della città di Asti.
Una carrellata dei più importanti e rari fossili di questi sedimenti astigiani provenienti dalle argille plioceniche risalenti a 5 milioni di anni fa circa comprende
i coralli piritizzati, i bizzarri molluschi gasteropodi del genere Xenophora con specie rarissime e dalla conservazione eccezionale, caratteristici per agglomerare sul bordo del guscio altre conchiglie e il più grande gasteropode fossile del Pliocene italiano la Charonia lampas.
Novità interessante sono alcuni esemplari di Vermetidi, cioè gasteropodi con la conchiglia tubolare a crescita irregolare che in questo caso hanno raggiunto dimensioni ragguardevoli e non comuni, inoltre queste strutture rigide, sul fondo dell’antico mare, formavano una base d’ancoraggio per diversi organismi, infatti nei campioni esposti si possono osservare dei Balanidi (Artropodi Cirripedi) che si sono attaccati ai Vermetidi e caso del tutto eccezionale un Echinoide (riccio di mare irregolare), che conserva ancora il guscio, ha trovato la sua tana proprio in mezzo a queste conchiglie.
Eccezionali sono le tre specie diverse di ossi di seppia con conservazione ottimale, in parte piritizzati. Questi fossili sono vere e proprie rarità sia per la casualità dei ritrovamenti, sia per la difficoltà della conservazione della struttura dell’osso di seppia.
Le seppie sono cefalopodi, classe che comprende anche i polpi, i calamari, i nautili e gruppi ormai estinti come le ammoniti e le belemniti. Le seppie hanno una particolare conchiglia interna, il cosiddetto “osso di seppia”, che si presenta porosa e leggera, concamerata in setti molto fitti. Questa particolare struttura ha un significato funzionale preciso, permette al gas azotato ivi contenuto di passare tranquillamente attraverso le porosità favorendo il galleggiamento dell’animale, tramite opportune regolazioni di pressione.
Si può facilmente comprendere la difficoltà della fossilizzazione di strutture così delicate e fragili come gli ossi di seppia. Infatti, per conservarsi questi resti dovevano trovarsi in condizioni particolari, cioè in ambienti sedimentari profondi, molto tranquilli, con bassa ossigenazione del fondo e con tassi di sedimentazione abbastanza alti, in modo da essere sepolti velocemente da depositi che li isolassero dalle acque permeanti. Queste condizioni sono proprio quelle testimoniate dalle argille del Fiume Tanaro.
Infine, una sezione è dedicata ai ritrovamenti di legni fossili che con varie tipologie e conservazione rendono questi reperti tipici di questa località. Tra questi, oltre a porzioni di tronchi più o meno “lavorati” dall’azione  protratta nel tempo delle acque del fiume che ne ha modellato le forme, spicca un campione conservato per silicizzazione con formazioni di calcedonio azzurro.
Questo a conferma che questo tratto del fiume si rivela sempre più un importante giacimento fossilifero




FOSSILS OF ASTIGIANS CLAY


Once again, the Protected Areas Authority Astigians at the 48th edition of the exhibition market Bologna Mineral Show, continues with the exhibition of recent acquisitions of the Paleontological Museum of Asti. These consist of specimens of shellfish fossils very special and portions of logs mineralized fossils, all from deposits outcropping along the River Tanaro, near the town of Asti.
A roundup of the most important and rare fossils of these sediments Asti from the Pliocene clay dating back to 5 million years ago includes
corals piritizzati, the bizarre gastropod molluscs such Xenophora with rare species and the exceptional preservation, characteristic for agglomerating on the edge of the other shell shells and the largest gastropod fossil Pliocene the Italian Charonia lampas.
Activity interesting are some examples of vermetids, that is, gastropods with the shell tubular irregular growth which in this case have reached considerable size and uncommon, also these rigid structures, on the bottom of the ancient sea, forming a anchor base for different organisms In fact you can observe in samples exposed of Balanidi (Arthropods Barnacles) that are attached to vermetids and a case of exceptional Echinoid (sea urchin irregular), which still retains the shell, she has found its home in the middle of these seashells.
Outstanding are the three different species of cuttlefish bones with optimal storage, partly piritizzati. These fossils are real rarity for the randomness of the findings, and the difficulty of preserving the bone structure of sepia.
Cuttlefish are cephalopods class that includes octopuses, squid, nautilus and extinct groups like ammonites and belemnites. Cuttlefish have a particular inner shell, the so-called "cuttlefish bone", which presents itself porous and light, concamerata in very thick septa. This particular structure has a functional significance precise, allows the nitrogen gas contained therein to pass safely through the porosity favoring the flotation of the animal, through appropriate pressure adjustments.
One can easily understand the difficulty of the fossilization of structures so delicate and fragile as the cuttlefish bones. In fact, in order to preserve these remains were to be in special conditions, that is, in sedimentary environments deep, very quiet, with low oxygenation of the bottom and with sedimentation rates high enough, so as to be buried quickly by deposits from the water permeating them isolassero. These conditions are those witnessed by the clays of the River Tanaro.
Finally, a section is dedicated to the discovery of fossil wood with various types and conservation make these findings typical of this area. Among these, as well as portions of logs more or less "processed" by the action over the long haul of the river that shaped the forms, stands a sample stored for silicification with formations of blue chalcedony.
This confirms that this stretch of the river is becoming a more important fossil deposit

#8 Estwing

Estwing

    Trilobite

  • Moderatore
  • 1270 Messaggi:
  • LocalitàRoma

Inviato 21 febbraio 2017 - 09:46

"Astigians Clay" nun se po' sentì...! :lol:

#9 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 27 febbraio 2017 - 07:07

DIMOSTRAZIONE DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE


Alfio Tomaselli catalizzerà l’attenzione dei visitatori con una dimostrazione su come l’uomo preistorico lavorava le pietre e le ossa per ottenere armi ed utensili, come otteneva i colori polverizzando i vari minerali presenti in natura, accenderà il fuoco utilizzando varie tecniche. Spiegherà la vita in un accampamento neolitico con tanto di pelli stese a terra con tutti i visitatori seduti a semicerchio intorno a lui e dopo la mezz’ora di dimostrazione saranno molte le persone che rimaste affascinate dalle sue parole resteranno anche per la successiva dimostrazione.
Non mancate di visitare la 48ma edizione del Bologna Mineral Show nella sede dell’Unipol Arena in via Gino Cervi 2 a Casalecchio di Reno (BO) nei giorni 10 – 11 – 12 marzo dalle 9.00 alle 19.00



DEMONSTRATION OF EXPERIMENTAL ARCHAEOLOGY


Alfio Tomaselli will catalyze the interest of visitors with a demonstration of how prehistoric man worked stones and bones to get weapons and tools, such as the colors obtained by pulverizing various naturally occurring minerals, and light the fire using various techniques.
He will explain life in a Neolithic camp all with of leathers lying on the ground with all visitors sat in a semicircle around him, and after the half-hour demonstration will be many people fascinated by his words who will remain for the next demonstration.
Be sure to visit the 48th edition of Bologna Mineral Show in the location of the Unipol Arena at Via Gino Cervi 2 in Casalecchio di Reno (BO) on March 10 – 11 - 12 from 9.00 to 19.00

#10 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 27 febbraio 2017 - 07:08

I  MINERALI  INDIANI


Per la mineralogia estera si è voluto allestire una mostra sui minerali indiani, eccezionali per dimensioni e colore. Un caleidoscopio di colori, bellissimi minerali che faranno rimanere a bocca aperta tutti i visitatori del 48° Bologna Mineral Show dal 10 al 12 marzo 2017 all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BO)

www.bolognamineralshow.com

MINERALS OF INDIA


For foreign mineralogy has chosen to set up an exhibition on Indian minerals, exceptional in size and color. A kaleidoscope of colors, beautiful minerals that will be dazzled all the visitors of the 48th Bologna Mineral Show 10 to 12 March 2017 at the Unipol Arena – Casalecchio di Reno (BO)

www.bolognamineralshow.com

#11 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 01 marzo 2017 - 08:57

LA MINIERA


Per appassionare ragazzi alla ricerca dei minerali e fargli vivere l’emozione di entrare in una miniera è stato ricostruito un tratto di galleria mineraria con tanto di rotaie, carrello per il trasporto del minerale e minatore che vi lavora.

I più giovani vi potranno entrare con tanto di elmetto, lampada e guanti forniti dall’organizzazione per cercare e raccogliere i minerali che troveranno all’interno della galleria, l’emozione e i ritrovamento sono assicurati.

Non mancate di visitare la 48ma edizione del Bologna Mineral Show nella sede dell’Unipol Arena in via Gino Cervi 2 a Casalecchio di reno (BO) nei giorni 10 -  11 - 12 marzo dalle 9.00 alle 19.00


THE MINE

To enthuse kids to mineral prospecting and let him experience the thrill of entering a mine, has been reconstructed a section of mining tunnel all with rails, minecart for transportation of ore and miner who works there.

The youngest will be allowed to enter all with safety helmet, lamp and gloves provided by the organization and collect the minerals that they will find inside the gallery: thrill and discovery are guaranteed.

Be sure to visit the 48th edition of Bologna Mineral Show in the location of the Unipol Arena at Via Gino Cervi 2 in Casalecchio di Reno (BO) on Marchr 10 – 11 - 12  from 9.00 to 19.00

#12 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 04 marzo 2017 - 10:57

LA  MINERALOGIA  LIGURE


Le miniere di manganese della Val Graveglia, nella provincia di Genova, sono note ai collezionisti per la presenza di oltre centottanta specie mineralogiche tra cui varie di notevole rarità, alcune di elevate caratteristiche estetiche e ben sedici di queste hanno la loro type locality proprio nelle varie sezioni minerarie della stessa vallata chiavarese.
La storia mineraria ebbe inizio nel 1876 quando l’ing. Auguste Fages giunse in valle attirato dai locali depositi cupriferi ma subito si rese conto che il minerale utile principale era la braunite che proprio in quel periodo iniziava ad essere impiegata su larga scala anche nella siderurgia. A lui si alternarono varie società italiane poi l’ILVA, la Ferromin, l’Italsider ed infine, dal 1976, la Sil.Ma, società a carattere cooperativo.
L’estrazione del minerale di manganese è stata sospesa nel 2009 ma la miniera di Gambatesa oggi sopravvive poiché è Museo. Sono visitabili gli impianti esterni e parte delle gallerie in sotterraneo con la visita di un enorme vuoto di coltivazione, testimonianza della più grande lente di manganese rinvenuta in Europa.
La storia delle miniere di manganese della Val Graveglia è un intreccio di vicende umane e minerarie dove alla tenacità dei minatori risponde l’ingegno dell’industria con macchinari sempre all’avanguardia.

A questa miniera e alla mineralogia ligure è dedicata una delle mostre tematiche con importanti campioni provenienti da Musei e collezioni private.

Tutto questo al 48° Bologna Mineral Show dal 10 al 12 marzo 2017 all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BO)

www.bolognamineralshow.com



THE MINERALOGY OF LIGURIA


The manganese mines of Graveglia, in the province of Genoa, are known to collectors for the presence of more than one hundred and eighty mineralogical species including various of its rarity, some of high aesthetic characteristics and sixteen of these have their own locality, type in the various mining sections of the same chiavarese valley.
The mining history began in 1876 when the engineer. Auguste Fages arrived in the valley attracted by local cupriferi deposits but soon realized that the mineral was the main profit braunite that at that time began to be used even on a large scale in the steel industry. He alternated various Italian companies then ILVA, the Ferromin, Italsider and finally, since 1976, the Sil.Ma, a cooperative society.
The manganese ore extraction was suspended in 2009 but the Gambatesa mine survives because it is museum. They can visit the outdoor facilities and part of the underground tunnels with the visit of a huge growing empty, evidence of the largest manganese lens found in Europe.
The history of the manganese mines of the Val Graveglia is a blend of human and mining events where the toughness of the miners answers the industry's ingenuity with increasingly advanced machinery.
At this mine and the Ligurian mineralogy it is dedicated one of the thematic exhibitions with important specimens from museums and private collections.

All this at the 48th Bologna Mineral Show 10 to 12 March 2017 at the Unipol Arena of Casalecchio di Reno (BO)

www.bolognamineralshow.com

#13 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 04 marzo 2017 - 10:58

Manganese, minerali, miniere e storie di Val Graveglia
Gambatesa, Cassagna, Statale, Molinello e Monte Bossea

Luna Editore, La Spezia.

Le miniere di manganese della Val Graveglia sono ben note agli appassionati di mineralogia per le numerose specie mineralogiche in esse rinvenute. In generale si tratta di specie rare in natura ma alcuni campioni hanno anche una certa valenza estetica e alcune hanno la loro località tipo proprio in questo importante bacino minerario.
A metà degli anni Sessanta a Gambatesa è stata rintracciata la più grande vena di minerale di manganese d'Europa, duecentoventi metri di lunghezza, ottanta di larghezza e quaranta di spessore con minerale a tenore dal 30 al 55%.
Oltre a questo si sono intrecciate incredibili vicende umane ed industriali con la realizzazione di un impianto trattamento minerali allora fiore all'occhiello dell'industria mineraria italiana.
La storia di queste miniere corre parallela a quella dell'impiego del manganese nell'arte vetraria, nella siderurgia e nella produzione di elettrodi da saldatura.
Oggi Gambatesa è un Museo ed il libro ne ripercorre la storia.

Allega file  Gambatesa.JPG   159,58K   0 Numero di downloads

#14 Bologna Mineral Show

Bologna Mineral Show

    Molecola Organica

  • Utente old
  • StellettaStelletta
  • 110 Messaggi:

Inviato 09 marzo 2017 - 08:34

I FOSSILI VIVENTI


Dal 10 al 12 marzo 2017 al Bologna Mineral Show si avrà la possibilità di fare un autentico tuffo nella Preistoria, vedendo dinosauri animati grazie alla “Realtà aumentata”. Avreste mai pensato di poter vedere un rettile volante di 4 metri che arriva planando su di un blocco di roccia, sgranchirsi le ali e riprendere il volo dopo avervi fatto sentire la sua “voce”? Oggi, per la prima volta in Italia, grazie al lavoro di paleontologi e tecnici di "non si può citare a causa di una richiesta ufficiale" (www."non si può citare a causa di una richiesta ufficiale".it) questo è possibile grazie alla “Realtà aumentata”. In uno stand appositamente allestito con un fondale che riproduce un ambiente preistorico palustre, si potrà vedere tutto ciò. Basterà inquadrare il fondale con la telecamera di un tablet appositamente programmato; il processore rielaborerà il segnale video aggiungendo un rettile volante perfettamente inserito nel suo ambiente, nel quale si muove in modo naturale, con un’interazione complessa ed efficace, mai applicata sinora in Italia, che apre la strada a un nuovo modo di concepire la divulgazione culturale di questa affascinante materia. Un vero tuffo nella Preistoria.

LIVING FOSSILS


From 10 to 12 March 2017 in Bologna Mineral Show you will have the chance to make a real dip in Prehistory, seeing animated dinosaurs thanks to "augmented reality." Have you ever thought of being able to see a flying reptile of 4 meters that comes gliding on a block of rock, stretch their wings and take flight after having made his "voice"? Today, for the first time in Italy, thanks to the work of paleontologists and technicians "non si può citare a causa di una richiesta ufficiale" (www."non si può citare a causa di una richiesta ufficiale".it) this is possible thanks to "augmented reality." In a booth specially set up with a bottom that plays a prehistoric swamp environment, you can see everything. Just frame the bottom with the camera of a tablet specially programmed; the processor rielaborerà the video signal by adding a flying reptile perfectly placed in its environment, in which it moves in a natural way, with complex and effective interaction, never been used to date in Italy, which opens the door to a new way of disseminating cultural heritage of this fascinating subject. A real dip in Prehistory.




Copyright © 2017 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana