Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Un appassionato collezionista giapponese scopre il primo fossile di uccello nuotatore


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5327 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato Una settimana fa

Durante una passeggiata in una piccola riserva in una piccola cittadina giapponese, un collezionista realizza la scoperta della sua vita, il primo ed il più antico fossile di uccello nuotatore della siua nazione.

il resto della storia in inglese al sito:

https://phys.org/new...try-oldest.html

Allega file  Chupkaornis keraorum.jpg   108,43K   0 Numero di downloads

Tradotto con google traduttore (pessima traduzione)

Citazione

Dopo aver condiviso la loro misteriosa scoperta con i paleontologi dell'Università di Hokkaido, i fratelli Masatoshi e Yasuji Kera hanno appreso poi che i resti scheletrici erano quelli di un iconico uccello marino subacqueo del periodo tardo cretaceo, spesso riscontrato nell'emisfero settentrionale, ma raramente in Asia. Il notevole esemplare, che comprende nove elementi scheletrici di un individuo, tra cui le vertebre toraciche e le ossa femorali, viene annunciato come "il materiale meglio conservato dall'Asia" e per essere "la prima relazione degli hesperorinthiforms dal margine orientale Il continente eurasiatico ".
Identificata come una nuova specie, è stata chiamata Chupkaornis keraorum - Chupka è la parola Ainu usata dai popoli indigeni di Hokkaido per 'orientale' e keraorum è il nome di Masatoshi e Yasuji Kera, che hanno scoperto il campione. L'uccello avrebbe vissuto durante il tempo in cui i dinosauri vagavano in terra.
Il giornale scientifico che descrive la ricerca - intitolata "La più antica Hesperornithiform asiatica dal Cretaceo Superiore del Giappone e la rivalutazione filogenetica degli Hesperornithiformes" - è stata pubblicata oggi sul sito web del Journal of Systematic Palaeontology, una rivista internazionalmente rinomata rivista Gli amministratori del Museo di Storia Naturale di Londra. I coautori del rapporto sono Tomonori Tanaka, Ph.D. Studente, Dipartimento di Scienze della Storia Naturale, Università di Hokkaido; Yoshitsugu Kobayashi, Ph.D., Museo dell'Università di Hokkaido; Ken'ichi Kurihara, Ph.D., Museo di Hokkaido; Anthony R. Fiorillo, Ph.D., Perot Museo della Natura e della Scienza, Dallas, Texas, USA; E Manabu Kano, Ph.D., Mikasa City Museum.
"Questa splendida scoperta illustra i rapporti speciali che i paleontologi e gli altri scienziati hanno con i cittadini comuni che vengono su oggetti interessanti e inusuali", ha detto Tanaka. "Grazie alla saggezza e alla volontà di Masatoshi e Yasuji Kera di condividere la loro scoperta con noi presso l'Università di Hokkaido, hanno contribuito in modo significativo alla scienza e siamo molto grati".
Le ossa, valutate ovunque da 90 milioni a 84 milioni di anni, sono state scoperte dalla Formazione Upper Kreta del Cretaceo del gruppo Yezo a Mikasa City, Hokkaido. L'uccello fossile è costituito da quattro vertebre cervicali, due vertebre toraciche, l'estremità distale della femorale sinistra e destra e la parte centrale della fibula destra. Il modello è attualmente ospitato nella collezione del Museo della Città di Mikasa a Hokkaido, in Giappone.
"Hespeornithiforms è il più antico gruppo di uccelli che è riuscito ad adattarsi per l'immersione nell'oceano. Questo studio fornisce una migliore comprensione nell'evoluzione precoce di questo gruppo e dall'origine delle immersioni negli uccelli", ha aggiunto Tanaka.
Chupkaornis ha una combinazione unica di caratteristiche: cresta tibiopibolare proiettata a forma di dito del femore; Scavo laterale profondo e emarginato con il margine ventrale del bordo del bordo toracico (quelle vertebre nella parte posteriore superiore); E la superficie articolare eterocoelica delle vertebre toraciche. L'analisi filogenetica di questo studio ha rivelato che Chupkaornis è una delle hesperornithiform basali, fornendo così dettagli sull'evoluzione di questo gruppo iconico di uccelli subacquei.
"In Giappone, molti fossili vertebrati importanti sono stati scoperti da dilettanti perché la maggior parte della terra è coperta di vegetazione, e ci sono poche esposizioni di rocce cretacee che fossili. Questa ricerca è frutto di una collaborazione con dilettanti e sono grato a Il loro aiuto e la comprensione della scienza ", ha detto Kobayashi.
Hesperornithiformes sono stati ingrassati, gli uccelli subacquei a piedi e uno dei gruppi più diffusi di uccelli nel Cretaceo dell'emisfero settentrionale. Questi uccelli avevano estremamente ridotti forellini e potenti arti posteriori, suggerendo che erano uccelli predatori incombenti in mare. La maggior parte dei fossili hesperornithiform sono stati scoperti dal Nord America finora. La scoperta di Chupkaornis, la più antica hesperornithiform asiatica, suggerisce che il hesperornithiform basale si era disperso al margine orientale dell'Asia, non più tardi di 90 milioni a 84 milioni di anni.
La scoperta ha aspetti più ampi - e per questo motivo è coinvolto il dottor Fiorillo, curatore e vicepresidente della ricerca e delle collezioni presso il Museo di Natura e Scienza di Perot. Il dottor Fiorillo è considerato uno dei migliori esperti del mondo sui dinosauri artici per i suoi decenni di ricerca in Alaska. Ha un profondo interesse per il ponte di Beringia che collega il Nord America con l'Asia. Egli è stato chiesto di collaborare a questa scoperta perché molti dei co-autori del giornale, tra cui Kobayashi e lead-author Tanaka, sono stati membri del suo team di campo durante le passate passate in Alaska.
"Questo studio non solo racconta importanti nuove informazioni sull'evoluzione di questo insolito gruppo di uccelli, ma aiuta anche la nostra comprensione della vita nell'antica regione del Pacifico settentrionale, in particolare quello che stava succedendo nell'oceano, mentre i dinosauri camminavano sulla terra" Fiorillo





Copyright © 2017 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana