Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

SCOPERTI SULLA SILA I FOSSILI DEL "CUGINO" DEL MAMMUT!

mammuth sila italia

  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5490 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 29 novembre 2017 - 09:03

Allega file  Molare_Elephas.jpg   81,85K   0 Numero di downloads

Gli interessanti reperti  erano stati rinvenuti lo scorso settembre sul fondale secco del lago Cecita, tra i monti calabresi. Ora, dopo approfondite analisi, il verdetto: si tratta dello scheletro di un Elephas Antiquus, il primo in Italia!
Per la prima volta in Italia, un Elephas Antiquus, il "cugino" europeo del mammut è stato ritrovato dopo millenni passati sotto ammassi di rocce e detriti.

La scoperta è avvenuta lo scorso 17 settembre in Calabria, tra i monti della Sila, dove la tremenda siccità estiva ha riportato alla luce i preziosi reperti nascosti sul fondale asciutto del Lago Cecita.
Sul luogo erano accorsi degli esperti per valutare la presenza nella zona di presunte armi longobarde, ma il fango secco del lago ha riservato loro una sorpresa ben più grossa.

Dai primi ritrovamenti infatti, gli addetti della Soprintendenza Archeologica della Calabria avevano subito intuito che poteva trattarsi di qualcosa di "grosso", ma sono state le analisi effettuate dai ricercatori dell'Università del Molise (Unimol) a dare l'attesa conferma:

Alto 4 metri al garrese, cioè il punto più alto del dorso dove si incontrano collo e scapole, l'esemplare morì probabilmente per cause naturali sulle sponde del lago. Nella zona non sono stati infatti trovati elementi che facciano pensare alla presenza di antichi cacciatori, ma le indagini nell’area sono solo all’inizio.

Per ora, grazie ai fondi stanziati da diversi enti statali, regionali e comunali, sono stati asportati dal sito archeologico solo una zanna, un molare e altri frammenti, che nei prossimi mesi saranno puliti e restaurati presso il laboratorio dell'Unimol.

«È stata una scoperta fortuita - ha dichiarato Antonella Minelli, responsabile dell'intera operazione - ma che potrebbe in parte riscrivere la storia della Calabria settentrionale»







Anche taggato con mammuth, sila, italia

Copyright © 2018 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana