Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Milano, il baby dinosauro era in un cassetto


  • Per cortesia connettiti per rispondere
5 risposte a questa discussione

#1 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5517 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 01 giugno 2018 - 10:03

L'eccezionale scoperta di due paleontologi al Museo di storia naturale

Milano, 31 maggio 2018 - Un baby spinosauro. Vale a dire, il più piccolo esemplare di quello che è ormai ritenuto il più grande dinosauro predatore mai esistito. Lo studio sul nuovo fossile è stato appena pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica PeerJ da due studiosi italiani, Simone Maganuco e il brianzolo Cristiano Dal Sasso, paleontologi del Museo di Storia Naturale di Milano.
Il fossile, un artiglio lungo 21 millimetri, apparterrebbe a un esemplare molto giovane, lungo 1,78 metri. Cristiano Dal Sasso è noto nel mondo della paleontologia per alcune scoperte e ricerche rivoluzionarie: da “Ciro”, il primo dinosauro italiano, un esemplare di Scipionyx Samniticus con cui lo studioso aveva conquistato all’epoca la copertina di “Nature”, fino appunto allo Spinosaurus aegyptiacus, lungo una quindicina di metri, più del famigerato Tyrannosaurus rex. E non è un caso che ora sia arrivato anche il baby spinosauro. «L’artiglio fu raccolto in Marocco tanto tempo fa e portato al Museo di Milano da un nostro collaboratore. Era un anno che ci giravamo attorno», rivela. In particolare, nel 2014 la scoperta di uno scheletro di Spinosaurus ha mostrato una morfologia incredibilmente simile a quella di quell’artiglio misterioso rimasto sino ad allora inosservato in un cassettodel Museo di Storia Naturale di Milano. Fino a quando la forte somiglianza con le falangi ungueali dello spinosauro ha permesso ai due studiosi di capire che si trovavano di fronte al più piccolo esemplare sinora rinvenuti al mondo del dinosauro più grande che avesse mai calcato la Terra o nuotato nelle sue acque (lo spinosauro era semiacquatico!) .
«Oltre alla rarità di fossili appartenenti a dinosauri teropodi giovani e alla scarsità di ossa di Spinosaurus, questa scoperta è ancora più eccezionale se consideriamo le straordinarie dimensioni raggiunte da uno spinosauro adulto, che probabilmente ere più lungo di un T-rex” ribadisce Maganuco. E aggiunge Dal Sasso: «Questo ritrovamento indica che in Spinosaurus il piede degli esemplari più giovani presentava gli stessi adattamenti locomotori osservati negli individui adulti, e che probabilmente tali adattamenti venivano acquisiti molto precocemente, fin dalla nascita».

https://www.ilgiorno...sauro-1.3948095

#2 FOSSIL1

FOSSIL1

    Trilobite

  • EXPERT
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1241 Messaggi:
  • E-mail pubblica:stefano.novello@yahoo.it
  • LocalitàUdine

Inviato 02 giugno 2018 - 01:01

arrivo or ora dalla lettura dell'ennesimo articolo immondizia apparso su nature riguardante i dinosauri messi all'asta. Il post sopra parla dell'ennesimo fiore all'occhiello dei paleontologi di Milano la cui carriera e fama internazionale è basata unicamente sullo studio di campioni salvati dalla distruzione della natura solo grazie ai privati collezionisti (es: Ciro e tutti i reperti di spinosauro in testa). Laddove non sia intervenuto un collezionista o un paleontologo dilettante direttamente hanno potuto fare i soldi derivanti dal mercato dei privati.

Quello che manca assolutamente, quel silenzio assordante che tutti percepiamo , quello che manca è la pura e semplice ammissione che se i paleontologi hanno un lavoro e qualcosa da studiare non è dovuto unicamente alla loro pomposa presenza ma dall'esistenza  e dai soldi derivanti dal mercato dei fossili per il collezionismo.

Un fossile in mano a un privato non è un fossile perso per scienza, è semplicemente un fossile che ha finanziato la scienza. come ogni cosa il ciclo naturale delle collezioni è quello di finire in un museo come donazione nel giro di un paio di generazioni al massimo. LA CONOSCENZA è QUINDI SEMPRE PRESERVATA A VANTAGGIO DELL'UMANITÀ.


Mi piacerebbe che quelli che si ergono dietro l'effige dell'associazione internazionale di paleontologia, pronti a cacciare un paleontologo che osi vendere un solo fossile, mi piacerebbe per una volta sentirli ringraziare pubblicamente chi gli permette di poter proseguire nei loro studi invece di denigrarlo continuamente.
Dico pubblicamente perchè de visu ognuno di loro sà come stanno realmente le cose ma anche loro sono lo specchio del mondo di oggi in cui l'apparenza va sempre preservata.

scusate lo sfogo.

#3 nonno

nonno

    Ultra Sapiens

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5225 Messaggi:

Inviato 02 giugno 2018 - 10:38

Visualizza MessaggioFOSSIL1, il 02 giugno 2018 - 01:01 , ha scritto:

arrivo or ora dalla lettura dell'ennesimo articolo immondizia apparso su nature riguardante i dinosauri messi all'asta. Il post sopra parla dell'ennesimo fiore all'occhiello dei paleontologi di Milano la cui carriera e fama internazionale è basata unicamente sullo studio di campioni salvati dalla distruzione della natura solo grazie ai privati collezionisti (es: Ciro e tutti i reperti di spinosauro in testa). Laddove non sia intervenuto un collezionista o un paleontologo dilettante direttamente hanno potuto fare i soldi derivanti dal mercato dei privati.

Quello che manca assolutamente, quel silenzio assordante che tutti percepiamo , quello che manca è la pura e semplice ammissione che se i paleontologi hanno un lavoro e qualcosa da studiare non è dovuto unicamente alla loro pomposa presenza ma dall'esistenza  e dai soldi derivanti dal mercato dei fossili per il collezionismo.

Un fossile in mano a un privato non è un fossile perso per scienza, è semplicemente un fossile che ha finanziato la scienza. come ogni cosa il ciclo naturale delle collezioni è quello di finire in un museo come donazione nel giro di un paio di generazioni al massimo. LA CONOSCENZA è QUINDI SEMPRE PRESERVATA A VANTAGGIO DELL'UMANITÀ.


Mi piacerebbe che quelli che si ergono dietro l'effige dell'associazione internazionale di paleontologia, pronti a cacciare un paleontologo che osi vendere un solo fossile, mi piacerebbe per una volta sentirli ringraziare pubblicamente chi gli permette di poter proseguire nei loro studi invece di denigrarlo continuamente.
Dico pubblicamente perchè de visu ognuno di loro sà come stanno realmente le cose ma anche loro sono lo specchio del mondo di oggi in cui l'apparenza va sempre preservata.

scusate lo sfogo.

Condivido pienamente quanto detto dall'amico FOSSIL1.

#4 Marcosauro

Marcosauro

    Trilobite

  • Moderatore
  • 1020 Messaggi:
  • E-mail pubblica:marco.sabia@icloud.com
  • LocalitàTorino

Inviato 05 giugno 2018 - 07:51

Fine video omaggio anche al commento di Stefano

https://m.youtube.co...Js4CRN-Phk&t=1s



#5 Vitto

Vitto

    Protozoo

  • Utente old
  • StellettaStellettaStelletta
  • 300 Messaggi:

Inviato 06 giugno 2018 - 10:16

Condivido in toto le parole di FOSSIL1, poi Ciro non è stato scoperto da Dal Sasso, bensì studiato dallo stesso.

#6 ossivorus

ossivorus

    Protozoo

  • Utente old
  • StellettaStellettaStelletta
  • 257 Messaggi:

Inviato 06 giugno 2018 - 11:35

Un plauso a Fossil1 anche da parte di un incompetente come me !




Copyright © 2018 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana