Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

* * * * - 2 Voti

Preparazione Cranio Tartaruga


  • Per cortesia connettiti per rispondere
7 risposte a questa discussione

#1 Marcosauro

Marcosauro

    Trilobite

  • Moderatore
  • 1378 Messaggi:
  • E-mail pubblica:marco.sabia@icloud.com
  • LocalitàTorino

Inviato 2 settimane fa

Buonasera a tutti,
l'altro giorno alla fiera di Torino, tra i vari fossili contraffatti e/o pesantemente ricostruiti, ho trovato un pezzo a mio parere "raro". Si tratta di un cranio di tartaruga (Lytoloma elegans) completamente naturale, con le ossa non riposizionate e senza strani pasticci di gesso.
L'unico intervento che è stato fatto (inevitabile ahimè) è il totale cospargimento di colla vinilica.
Comunque, oltre al cranio sono visibili altre due ossa (una del carapace e una forse di un arto).

#2 Marcosauro

Marcosauro

    Trilobite

  • Moderatore
  • 1378 Messaggi:
  • E-mail pubblica:marco.sabia@icloud.com
  • LocalitàTorino

Inviato 2 settimane fa

Foto

Allega File(s)



#3 Marcosauro

Marcosauro

    Trilobite

  • Moderatore
  • 1378 Messaggi:
  • E-mail pubblica:marco.sabia@icloud.com
  • LocalitàTorino

Inviato 2 settimane fa

Oggi ho cominciato la pulizia del pezzo, rimuovendo intanto tutta la colla dalla superficie delle ossa, e in seguito lavorando anche la matrice. Il cranio era ovviamente giá ben esposto, ma in molte zone vi erano rimaste porzioni di sedimento che coprivano il fossile, soprattuto nelle cavità del cranio.
In foto, nell'osso cerchiato è stata rimossa la colla e riportato al suo stato naturale. Il contrasto in foto è minimo ma spero si riesca comunque a percepire.

Allega File(s)



#4 Marcosauro

Marcosauro

    Trilobite

  • Moderatore
  • 1378 Messaggi:
  • E-mail pubblica:marco.sabia@icloud.com
  • LocalitàTorino

Inviato 2 settimane fa

Foto cranio a cui è stata rimossa tutta la colla.

Allega File(s)



#5 Marcosauro

Marcosauro

    Trilobite

  • Moderatore
  • 1378 Messaggi:
  • E-mail pubblica:marco.sabia@icloud.com
  • LocalitàTorino

Inviato 2 settimane fa

In foto la differenza pre-preparazione appare lieve, anche se manca ancora un po' alla fine dei lavori, ho già speso diverse ore su questo pezzo. La difficoltà più grande come spesso accade per fossili di questo tipo è gestire il sedimento pregno di colla. Bagnadolo con acqua si riesce ad ammorbidire ma risulta comunque difficoltoso lavorarlo senza rischiare di danneggiare le ossa.

#6 Simonyus

Simonyus

    Molecola Inorganica

  • Iscritto
  • Stelletta
  • 13 Messaggi:

Inviato 2 settimane fa

Bravo Marco, bel pezzo! Come hai rimosso la colla? Ho un paio di reperti da restaurare e vorrei sapere con quale prodotto hai trattato il cranio.

#7 Marcosauro

Marcosauro

    Trilobite

  • Moderatore
  • 1378 Messaggi:
  • E-mail pubblica:marco.sabia@icloud.com
  • LocalitàTorino

Inviato 2 settimane fa

Visualizza MessaggioSimonyus, il 05 ottobre 2021 - 02:27 , ha scritto:

Bravo Marco, bel pezzo! Come hai rimosso la colla? Ho un paio di reperti da restaurare e vorrei sapere con quale prodotto hai trattato il cranio.

Io ho trovato una tecnica che funziona molto bene per rimuovere il vinavil (solo il vinavil) dalle ossa di vertebrati dei fosfati del Marocco.L'unica condizione obbligatoria è che si tratti di ossa compatte e non frammetate o a rischio esfoliazione. Quindi da usare SOLO su reperti belli solidi.

Individuo la zona piena di vinavil, inumidisco leggermente e ne cospargo uno strato abbondante con altro vinavil. Una volta asciutto si avrà un layer corposo di colla che si potrà rimuovere facilmente anche con le dita. La colla che abbiamo messo si toglierà come una pellicola portando via anche lo strato sottostante che ricopriva le ossa.

Pro: facile, veloce, economico.
Contro: come detto prima, su pezzi fragili si rischia di esfoliarli. Si faccia una prova su una zona molto piccola e poco in vista. E se si decide di continuare, lavorare sempre su aree limitate e procedere piano piano. Man mano consolidare le zone esposte con paraloid.

Su decine di fossili trattati così, solo un paio si sono comportati male, troppo friabili, quindi mi sono fermato e ho rimosso la colla alla vecchia maniera, cercando di scioglierla con acqua.
Su tutti gli altri invece, risultati eccezionali.

#8 fallenrain

fallenrain

    Trilobite

  • Sostenitore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1233 Messaggi:
  • LocalitàZanè

Inviato Una settimana fa

ne ho uno pure io così  ma per la storia della radioattività ora è finito in una stanza nel seminterrato...la mia perà ha anche il palato inferiore..se ho tempo carico una foto




Copyright © 2021 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana