Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Anticamente Marte era un pianeta freddo e umido. Ricostruiti i processi di conge


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5700 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 22 maggio 2009 - 07:35

E' probabile che, anticamente, Marte fosse un pianeta freddo ed umido, un ambiente in cui l'acqua non gelava, malgrado le temperature glaciali, perché molto ricca di minerali .

Lo afferma uno studio pubblicato su Nature di questa settimana condotto da Alberto Fairén e colleghi della Universidad Autonoma de Madrid, Spagna, che basandosi sui dati ambientali, geologici e fisici inviati dai lander e dalle sonde marziani, hanno realizzato un modello per ricostruire un paesaggio del tutto diverso da quello che si presenta oggi e che smentisce altri studi che figuravano un paesaggio marziano caldo e umido, in cui l'acqua era allo stato liquido per via dei gas serra che avevano fatto alzare le temperature.

Gli scienziati spagnoli pensano che molte delle strutture geologiche sul suolo marziano, che sembrano antichi letti fluviali o bacini lacustri, si siano formate partendo da acqua liquida mischiata a sedimenti di minerali.

Farein e colleghi hanno realizzato un modello matematico nel quale, tenendo conto della composizione chimica delle rocce trovate sul luogo di atterraggio dei lander, Pathfinder, Viking et Spirit, hanno riprodotto i processi di congelamento ed evaporazione dei fluidi marziani con composti contenenti  principalmente basalto molto alterato, esposto per lungo tempo alle intemperie, in modo che somigliasse, chimicamente, a quella del materiale marziano.

Il risultato mostra che una parte importante di questi fluidi ricchi di minerali, tra cui il ferro, il silicio, il magnesio, lo zolfo, il calcio, ecc. rimanevano allo stato liquido a temperature ben al di sotto dei 273,15 gradi Kelvin (0 gradi centigradi) e cioè il punto di fusione dell' acqua.

Gli scienziati hanno anche sottoposto a verifica il loro modello analizzando le caratteristiche chimiche dei residui dei minerali, ottenute dai processi di congelamento ed evaporazione ed hanno scoperto che il loro contenuto è analogo a quello identificato oggi sul materiale della superficie di Marte.

fonte apcom - http://www.apcom.net




Copyright © 2019 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana