Vai al contenuto

IPBoard Styles©Fisana

- - - - -

Non esiste il batterio alieno che vive solo di arsenico


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1 risposta a questa discussione

#1 Ebo

Ebo

    editato

  • Iscritto
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2413 Messaggi:

Inviato 10 luglio 2012 - 12:02

Tratto dal sito de La repubblica: http://www.repubblic...1/?ref=HREC2-11

Contrordine: l'incredibile batterio che si nutre di arsenico non esiste. L'incontro con forme di vita aliene sulla terra è quindi rimandato a data da destinarsi. A fare retromarcia, dopo la valanga di critiche seguite all'annuncio della Nasa 1, convinta di aver avvistato un microrganismo che riusciva ad incorporare nel suo Dna la sostanza tossica e a sfruttarla per la sua sopravvivenza, è Science, la stessa rivista che aveva pubblicato nel dicembre 2010 lo studio che tanto ha fatto discutere2.

Due lavori indipendenti mostrano che anche il misterioso microrganismo, noto come GFAJ-1, ha in realtà bisogno per svilupparsi di piccole quantità di fosforo - una delle molecole chiave per la vita sulla terra a noi nota, con ossigeno, idrogeno, azoto, carbonio e zolfo - e che non è in grado di sostituirlo con l'arsenico.

Il batterio, scoperto sui fondali del Mono Lake in California, fra sedimenti ricchi di arsenico, non possiede, quindi, un inedito metabolismo basato sul veleno come ritenuto all'epoca della pubblicazione, ma rientra nella normalità, sfruttando, anch'esso il più normale e "terrestre" fosforo.

Anche il termine "alieno", con cui era stato bollato GFAJ-1, si riferiva ad un batterio "estremofilo", in grado cioè di sopravvivere in condizioni che - per gli esseri umani e la maggior parte degli organismi terrestri - sarebbero inospitali quando non fatali. Sembrava però trattarsi del primo caso in cui l'arsenico veniva adottato come componente fondamentale per lo sviluppo di un organismo, rivoluzionando potenzialmente la nostra comprensione delle condizioni essenziali per l'esistenza della vita stessa.

Dalla pubblicazione del lavoro 3della ricercatrice Felisa Wolfe-Simon, la blogosfera scientifica è entrata in fibrillazione, sollevando dubbi e critiche. Ora i due lavori usciti su Science - il primo è a firma di Tobias Erb 4, dell'Istituto di mircobiologia di Zurigo in Svizzera, il secondo condotto sotto la guida di Marshall Reaves 5, dell'ateneo di Princeton, negli Usa - confermano che il batterio ha comunque bisogno di piccole quantità di fosfato anche se può sopravvivere in un ambiente ricco di arsenico, e che la sostanza tossica da sola non è sufficiente a permetterne la vita. Inoltre, entrambi i lavori di ricerca non hanno trovato traccia del fatto che le molecole di arsenico si siano sostituite a quelle di fosforo nel Dna del batterio.

"Le nuove ricerche mostrano che GFAJ-1 non modifica i principi fondamentali della vita, contrariamente all'interpretazione dei dati dell'équipe di Felisa Wolfe-Simon", si legge in un editoriale che correda i nuovi studi su Science. L'affascinante ed estrema ipotesi, quindi, viene smentita sulle stesse pagine da cui aveva preso vita. Parte del processo scientifico, si legge ancora su Science, che per definizione si auto-corregge, quando altri ricercatori cercano di riprodurre i risultati delle ricerche pubblicate. E stavolta non ci sono riusciti.

Allega file  Il batterio alieno scoperto dalla Nasa.jpg   20,87K   3 Numero di downloads

Link per approfondimenti:

http://www.sciencema...ba-2ff3deafa8d0
http://www.sciencema...ba-2ff3deafa8d0
http://www.sciencema...ba-2ff3deafa8d0

#2 niccosan

niccosan

    Ultra Sapiens

  • Moderatore
  • 5714 Messaggi:
  • LocalitàPescara
  • Collezione:Fossili, Minerali, Malacologia

Inviato 11 luglio 2012 - 05:00

peccato
ero andato a gennaio al mono lake



Mono lake January-2012
Caricato 11 lug 2012 - 15:36





Copyright © 2019 Paleofox.com - Portale della Paleontologia italiana